Come aumentare davvero la produzione di latte materno

Scritto da
aumentare-latte-materno

Una delle più grandi preoccupazioni delle mamme, soprattutto delle neo mamme, è quella di non avere latte a sufficienza. Da dove salta fuori questa paura? Semplicemente da un retaggio culturale perpetrato fino a oggi a partire dagli anni ’70 con azioni di marketing anche pesanti. Hanno fatto credere alla donna di non essere adatta, ma quando mai in natura, salvo rarissimi (ma purtroppo esistenti) casi in cui davvero ci sono difficoltà a produrre latte, non si è in grado di sostentare il proprio cucciolo?

Ora, lasciamo stare tutto quello che riguarda la sfera della stanchezza, delle scelte personali insindacabili e non giudicabili e gli sbalzi ormonali. Al netto di questi fattori la donna è capace di produrre il latte sufficiente al proprio bambino e senza bisogno di ricorrere ai cosiddetti integratori, ma anche alimenti, che ne aumentino la produzione. Tutte queste sono credenze instillate dal marketing per vendere o antiche credenze popolari che non trovano nessun riscontro scientifico. A oggi non esistono studi che dimostrino che certi alimenti, come per esempio la birra, aumentino la produzione, anzi, nel caso citato non solo non l’aumenta, ma se la birra è alcolica può nuocere al feto.

Cosa invece aumenta davvero la produzione?

  • Sicuramente attaccare il bambino fin dalla nascita e lasciarlo poppare ogni volta che lo desideri
  • Non utilizzare interferenti quali ciucci e biberon
  • Non dare aggiunte (non servono a meno che non vi siano reali problemi come una nascita fortemente prematura)
  • Attaccare il bambino soprattutto durante la notte in cui la produzione è maggiore
  • Passare più tempo possibile col proprio bambino: i primi 3 mesi sono molto faticosi, ma una volta che la produzione si sarà calibrata sulle reali esigenze del bambino tutto sarà in discesa.
  • Corretta posizione del neonato nella suzione, se non si attacca bene chiedere una consulenza professionale
  • Evitare la doppia pesata, non serve a nulla e mette ansia, meglio badare ai pannolini che il bambino bagna durante l’arco della giornata
  • Evitare di farsi stressare o mettere ansia da consigli inutili, non richiesti e spesso errati

Il relax e un buono stato psicologico della madre sono essenziali per avviare bene l’allattamento, quindi ritagliatevi i vostri momenti col piccolo e pensate che siete perfettamente adatte a nutrirlo e che il vostro latte, nonostante in molti vi diranno il contrario, è sufficiente. Per qualsiasi dubbio consultate una consulente LLL (gratuita) o IBCLC (a pagamento).

Categorie dell'articolo:
Allattamento

Commenti

  • Roberta Vendemiati

    Stefano Gregnanin Stefano Gregnanin 27 settembre 2016 14:23 Rispondi
  • Attaccandoli di più. Ecco come si produce il latte

    Rita Campanale Rita Campanale 27 settembre 2016 14:25 Rispondi
  • Io ho allattato 3 figli e ho dato loro il mio latte senza orari mia madre diceva che il latte materno preveniva ogni malattia per il piccolo

    Rosella Reinkardt Rosella Reinkardt 27 settembre 2016 14:35 Rispondi
    • Io idem.. ora abbiamo iniziato lo svezzamento.. la prima l ho allattata 18 mesi.. ora la seconda vedremo..

      Mary Gallo Mary Gallo 27 settembre 2016 14:37 Rispondi
    • Dopo quando vi é arrivato il ciclo?

      Barbara Luca Barbara Luca' 27 settembre 2016 14:54 Rispondi
    • Salve anche io all’atto e voglio allattare finché x molto! Ma voi come mangiate?

      Teresa Calvanese Teresa Calvanese 27 settembre 2016 15:48 Rispondi
    • Il ciclo mi è arrivato dopo 6 mesi circa….

      Rosella Reinkardt Rosella Reinkardt 27 settembre 2016 15:49 Rispondi
    • Io ormai ho partorito da un bel Po ma mangiavo carne e tanta verdura ma sempre senza esagerare e quando allattato zucchine patate carote lesse sono speciali per il latte. ..

      Rosella Reinkardt Rosella Reinkardt 27 settembre 2016 15:53 Rispondi
  • Tutto vero e tutto bello, ma nel caso in cui il bambino è pigro come si fà a non ricorrere al biberon, seppur con il proprio latte ma ovviamente con l’aggiunta perché non aumenta. Quando è così esiste un modo per aumentare la produzione?

    Nadia Waziri Nadia Waziri 27 settembre 2016 14:44 Rispondi
    • Cara Nadia, ricorrere al biberon stimola l’apprendimento di una suzione scorretta nel bimbo, e il latte potrebbe non aumentare perché il seno non è correttamente stimolato dato proprio l’utilizzo del biberon. Solitamente quando il bimbo è pigro o dormiglione, bisogna capire se assume nutrimento a sufficienza: se così non fosse, va svegliato e attaccato, anche 12 volte nell’arco di una giornata (notte compresa) tenendo presente che il seno è fisiologicamente stimolato alla produzione se il bimbo viene attaccato almeno ogni due ore. Ecco alcuni consigli http://www.maternita.it/allattare-un-dormiglione-istruzioni-per-luso.html

      maternita.it maternita.it 27 settembre 2016 14:54 Rispondi
    • Devi solo avere tanta tanta pazienza ed eventualmente usare il tiralatte per stimolare di più il seno.. il mio bimbo stava attaccato anche più di un’ora..l’ho sempre allattato a richiesta e ho passato molte notti in bianco. Ma volevo allattarlo ad ogni costo e ho tenuto duro..ora che ha tre mesi…mangia in 10-15 minuti ogni 2/3 ore di giorno e la notte dorme 6/7 ore…felice e fiera del lavoro che ho fatto!!!

      Verusca Bellandi Verusca Bellandi 27 settembre 2016 14:55 Rispondi
    • Purtroppo l’ho fatto con lui che si continua ad attaccare e addormentarsi, ho passato giornate intere con lui attaccato, si addormenta è dopo mezz’ora chiede, ha avuto un forte calo di peso e alla fine si è ricorsi a tiralatte e aggiunta, ora che è più forte ho provato ad attaccarlo di nuovo, ma uguale, non mangia e crolla senza svuotare neanche il primo seno! Lo stuzzico, solletico, gli rompo le scatole, nulla, dorme!

      Nadia Waziri Nadia Waziri 27 settembre 2016 14:59 Rispondi
    • Nadia Waziri anche il mio spesso non tira tutto il latte che ho…soprattutto di notte..così dopo la poppata della mattina mi tiro il resto del latte…mi preparo un bel biberon che poi gli do entro le 24 ore. C’è da dire che il mio bimbo si attacca al sono e prende il biberon senza problemi. È stato abituato così da quando eravamo in ospedale perché è nato piccolo e non potevano aspettare che mi arrivasse il latte e così prima di dargli il biberon lo attaccavo comunque per iniziare a stimolare il seno e successivamente beveva dal biberon

      Verusca Bellandi Verusca Bellandi 27 settembre 2016 15:05 Rispondi
    • Non è una tetta che fa una mamma. Pensa a far crescere il tuo bambino che anche solo 5 min di seno per loro sono preziosi. Se gli dai il biberon non muore nessuno….

      Marta Dal Pos Marta Dal Pos 27 settembre 2016 15:12 Rispondi
    • Brava Marta Dal Pos sono d’accordo con te

      Alessandra Crocco Alessandra Crocco 27 settembre 2016 15:18 Rispondi
    • L’ho fatto anche io ragazze, ma quando chiude gli occhi e serra la bocca non ci stanno cavoli, dorme e salta il pasto! Non scherzo mi hanno tirato scema, l’ho avuto ricoverato e in 18 gg ho avuto 9 pareri diversi con altrettanti tentativi, è che sembra che in realtà è così semplice! Non mi sento inadeguata, sto facendo di tutto, ma mi chiedo sempre, e se invece c’è un altro modo?!?

      Nadia Waziri Nadia Waziri 27 settembre 2016 15:23 Rispondi
    • Io Nadia Waziri ho il tuo stesso pr

      Gessica Lacara Gessica Lacara 27 settembre 2016 15:27 Rispondi
    • Problema ..io però sn riuscita a risolvere cn la giunta o se no sta ‘ attaccato x ore intere o se lo metti giù dopo 5 Min è sveglio…anke io vorrei allattare esclusivamente al seno,ma ho un’altra bimba e mi devo dedicare anke a lei non posso stare ttt il giorno ad allattare. ..

      Gessica Lacara Gessica Lacara 27 settembre 2016 15:29 Rispondi
    • C’è sempre il consultorio per il Sostegno dell’Allattamento al seno (oltre ai gruppi già citati dall’articolo). Io ho avuto un’esperienza utile e meravigliosa, magari un giorno ve la racconto. Comunque sono competenti e “pratici”, consigli davvero utili.

      Maddalena Capra Lebout Maddalena Capra Lebout 27 settembre 2016 18:37 Rispondi
    • Si va bene ma ci rendiamo conto di cosa vuol dire svegliare un bambino per attaccarlo al seno 12 volte notte compresa nell arco delle 24 ore? Non devi fare altro in tutta la giornata ed è comunque un grande grande stress sia per mamma sia per bambino. Io non condivido.

      Giù Lia Giù Lia 27 settembre 2016 22:46 Rispondi
    • Le mie ghiandole mammarie non hanno prodotto latte,il padre di mia figlia si è attaccato lui x stimolare la fuoriuscita ma nulla…..io che avrei dovuto fare?andare alla gogna? Mia figlia è cresciuta sanissima anche col biberon…..nn conosce un giorno di ospedale e nn ha mai avuto.l’influenza

      Sterpeta Felice Sterpeta Felice 27 settembre 2016 22:48 Rispondi
  • Siamo proiettati nel 2017 e ancora bisogna leggere alcune frasi..

    Lorena Fontana Tait Lorena Fontana Tait 27 settembre 2016 14:56 Rispondi
  • Con il mio primo figlio avevo sempre il seno pieno dalla notte dopo aver fatto il cesareo e ho avuto per sei volte la mastite presa in tempo in 9mesi di allattamento poi ho deciso di smettere per mio egoismo e stanchezza e l’ho dovuto togliere con le pillole, avevo 17 anni e mi sono resa conto dopo un po che ho sbagliato. Ora dopo 8anni è nato il mio secondo pupo. È nato prematuro, pesava 2kg e ha avuto seri problemi restando per ben 15giorni dalla nascita in ospedale. La notte dopo il cesareo ho avuto la montata lattea senza averlo attaccato e con grande forza maggiore di madre usavo il tiralatte ogni 3ore per 15giorni e lo portavo alla TIN per il mio piccolo. Tornato finalmente a casa mi hanno detto di attaccarlo solo al seno e vedere per 7giorni se cresceva. E anche se non ho il seno bello gonfio come al primo vi dico che sta crescendo benissimo solo ed esclusivamente con il mio latte.. si attacca quando vuole o ogni 2ore normalmente e dorme tranquillo la notte.. ha 2 mesi ed è a 5Kg. Per i dottori è una grande fortuna che ho latte senza aver stimolato il seno con il bambino.. quindi ci vuole solo buona volontà da parte di noi mamme e sforzarsi un po di più per dare il nostro latte che fa benissimo. Lo dico perché ho visto mamme all’ospedale che hanno fatto l’esatto contrario non si sono sforzate e ne volevano impegnarsi facendo così che ora danno latte in polvere! Ragazze siamo donne e siamo fatte per questo. Nutrire i nostri piccoli per farli cresce sani e belli.. Salvo complicanze serie.

    Jennifer Doris Bates Jennifer Doris Bates 27 settembre 2016 15:17 Rispondi
  • Sara Stanti ❤

    Elena Mesiano Elena Mesiano 27 settembre 2016 15:18 Rispondi
  • Salve.. io allatto la mia bambina da 10 mesi e lo voglio fare fino a qnd lei vorrà.. volevo sapere.. posso fare finalmente la dieta e perdere qst 9 chili di troppo che nn sopportare più???

    Natalia Sgobio Natalia Sgobio 27 settembre 2016 15:19 Rispondi
  • Ciao a tutte le mamme io ho una figlia di diciotto mesi e ancora la sto allatando ed e la cosa piu’ bella che ci possa essere al mondo siamo mamme e nutrianoli con il nostro latte che crescono bene di salute ok un bacione

    Carmela Costanzo Carmela Costanzo 27 settembre 2016 15:40 Rispondi
  • Allattare è molto importante io allatto da due mesi senza sosta anche 20poppate al giorno ,ma è così bello che non vorrei smettere mai per me è la terza bimba,il primo non ha voluto allattare,la seconda a allattato per sei mesi e ora vediamo un po’ finché riesco

    Annamaria Curia Annamaria Curia 27 settembre 2016 15:47 Rispondi
  • Si deve insistere con i neonati per allattare al seno perché lavorano di più rispetto al bibiron e per questo non lo vogliono.

    Rosaria Brandi Rosaria Brandi 27 settembre 2016 16:21 Rispondi
  • Cara Roberta, l’alimentazione della mamma ha qualche effetto sul piccolo allattato, che può in qualche caso trovare il latte materno non di suo gradimento, o sulla forma fisica della mamma: sono argomenti diversi. Che l’alimentazione faccia aumentare la produzione di latte materno, è un falso mito assolutamente da sfatare.

    maternita.it maternita.it 27 settembre 2016 17:32 Rispondi
  • Ciao a tutte…io ho una bimba di tre mesi…dal secondo mese ho fatto allattamento misto perché nn cresceva molto…ma l’ho sempre attaccata prima al seno,di giorno e di notte…

    Denise Manolio Denise Manolio 27 settembre 2016 17:42 Rispondi
  • Io ho allattato il primo figlio per il primo anno di vita , la seconda per 4 mesi quasi 5….non cresceva bene e stava attaccata tutto il giorno e la notte non potevo badare al
    bimbo , cucinare o anche andare semplicemente in bagno…..ero psicologicamente distrutta e anche fisicamente….con questo voglio dire che l’importante è amare i propri figli e poi purtroppo subentrano lavoro e tante altre cose che certe volte impediscono l’allattamento esclusivo non per questo si è meno mamme

    Catherine Lo Medico Catherine Lo Medico 27 settembre 2016 19:45 Rispondi
  • Per via di una tac e due risonanze magnetiche che ho dovuto fare alla testa appena dopo il parto ho interrotto l’allattamento per 24 ore. Questo o forse lo stress mo ha compromesso l’allattamento quindi ho dovuto introdurre l’artificiale. Ora da 10 gg riesco a fare allattamento esclusivo al seno. Il latte è tornato anche perché la mia bimba si attacca bene e stimola la produzione. Pesando oggi però ho visto che è aumentata solo 100 gr da quando ho smesso l’artificiale. Devo preoccuparmi??? Giovedì vado da pediatra e temo mi faccia introdurre di nuovo artificiale… 🙁

    maravs2@libero.it' Mara 27 settembre 2016 20:39 Rispondi
  • Elisa Trivellato Lia Paleari

    Laura Olgiati Laura Olgiati 27 settembre 2016 23:45 Rispondi
  • Roberto Russo

    Federica Bregoli Federica Bregoli 28 settembre 2016 6:23 Rispondi
  • “Un falso mito” e perché allora io se non mangio abbastanza il latte mi viene a mancare? Ho straprovato che quando non mangio abbastanza e sostanzioso la sera sono senza latte diversamente ne ho in abbondanza… strano…

    Yanina Flamenco Yanina Flamenco 28 settembre 2016 7:40 Rispondi
  • Se non si mangia abbastanza, non solo la produzione di latte viene inficiata, ma vi sono ulteriori sintomi numerosi e molto vari, come debolezza, bruciore allo stomaco, gonfiore, perdita di capelli… Il che è da ricondurre a una corretta alimentazione di base. Si ritiene infatti che il dispendio energetico riferibile all’allattamento al seno possa essere quantificato in circa 500 kcal pro die. Per questo se non si mangia abbastanza, la produzione di latte diminuisce, ma questo concetto non andrebbe correlato all’esistenza di alimenti particolarmente galattogeni.

    maternita.it maternita.it 28 settembre 2016 9:15 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *