Come aumentare davvero la produzione di latte materno

Scritto da
aumentare latte materno

Una delle più grandi preoccupazioni delle mamme, soprattutto delle neo mamme, è quella di non avere latte materno a sufficienza. Da dove salta fuori questa paura? Semplicemente da un retaggio culturale perpetrato fino a oggi a partire dagli anni ’70 con azioni di marketing anche pesanti. Hanno fatto credere alla donna di non essere adatta, ma quando mai in natura, salvo rarissimi (ma purtroppo esistenti) casi in cui davvero ci sono difficoltà a produrre latte materno, non si è in grado di sostentare il proprio cucciolo?

Ora, lasciamo stare tutto quello che riguarda la sfera della stanchezza, delle scelte personali insindacabili e non giudicabili e gli sbalzi ormonali. Al netto di questi fattori la donna è capace di produrre il latte sufficiente al proprio bambino e senza bisogno di ricorrere ai cosiddetti integratori, ma anche alimenti, che ne aumentino la produzione. Tutte queste sono credenze instillate dal marketing per vendere o antiche credenze popolari che non trovano nessun riscontro scientifico. A oggi non esistono studi che dimostrino che certi alimenti, come per esempio la birra, aumentino la produzione, anzi, nel caso citato non solo non l’aumenta, ma se la birra è alcolica può nuocere al feto.

Cosa aumenta la produzione di latte materno?

  • Sicuramente attaccare il bambino fin dalla nascita e lasciarlo poppare ogni volta che lo desideri
  • Non utilizzare interferenti quali ciucci e biberon
  • Non dare aggiunte (non servono a meno che non vi siano reali problemi come una nascita fortemente prematura)
  • Attaccare il bambino soprattutto durante la notte in cui la produzione è maggiore
  • Passare più tempo possibile col proprio bambino: i primi 3 mesi sono molto faticosi, ma una volta che la produzione si sarà calibrata sulle reali esigenze del bambino tutto sarà in discesa.
  • Corretta posizione del neonato nella suzione, se non si attacca bene chiedere una consulenza professionale
  • Evitare la doppia pesata, non serve a nulla e mette ansia, meglio badare ai pannolini che il bambino bagna durante l’arco della giornata
  • Evitare di farsi stressare o mettere ansia da consigli inutili, non richiesti e spesso errati

Il relax e un buono stato psicologico della madre sono essenziali per avviare bene l’allattamento, quindi ritagliatevi i vostri momenti col piccolo e pensate che siete perfettamente adatte a nutrirlo e che il vostro latte materno, nonostante in molti vi diranno il contrario, è sufficiente. Per qualsiasi dubbio consultate una consulente LLL (gratuita) o IBCLC (a pagamento).

Categorie dell'articolo:
Allattamento

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *