Mamme a 50 anni: tutto quello che c’è da sapere

Scritto da
mamme over 50 gravidanza

Scarsa stabilità economica, vita frenetica, voglia di fare carriera … Sono questi alcuni dei fattori che spingono le donne di oggi a fare figli sempre più tardi. Non è infrequente imbattersi in donne che hanno superato i cinquant’anni ma desiderano comunque diventare madri.

A cosa si va incontro se si rimane incinte dopo i 50 anni? Scopriamolo insieme.

Mamme a 50 anni: il concepimento

Se fino a 30 anni concepire naturalmente è abbastanza facile, superati i quaranta le chance di riuscire a rimanere incinte senza ricorrere alla fecondazione assistita diminuiscono notevolmente.

Questo accade perché, mentre dopo aver superato i 30 anni si ha ancora il 12 % circa degli ovociti, dopo i 40 anni la percentuale si riduce drasticamente, fino a diventare pressoché nulla superati i cinquanta. Anche la qualità degli ovociti ha un ruolo determinante: gli ovociti di una cinquantenne, infatti, non sono vitali come quelli di una ragazza di 20 o 30 anni.

Le donne che desiderano diventare madri ed hanno già superato la soglia dei cinquant’anni, perciò, spesso si devono affidare alla fecondazione assistita. Mentre in altri Paesi è legale tentare il concepimento servendosi degli ovuli di una donatrice (ovodonazione), in Italia questa pratica è vietata. 

E’ comunque consentito sottoporsi ad una fecondazione assistita nella quale vengano impiegati gli ovuli e gli spermatozoi della coppia che desidera avere figli. Quest’ultima opzione, tuttavia, spesso non dà i risultati sperati, specie se a sottoporvisi è una donna che ha già superato i 43 anni.

Mamme a 50 anni: le difficoltà della gravidanza

 Le difficoltà a cui va incontro una donna che intenda portare avanti una gravidanza dopo i 50 anni non si esauriscono con il concepimento. Superati i 35 anni, infatti, anche le gravidanze di donne che godono di buona salute sono considerate a rischio.

Oltre ad aumentare le probabilità che il feto presenti anomalie cromosomiche, come la sindrome di Down, si va incontro anche ad un aumentato rischio di complicanze, come diabete gestazionale e ipertensione.

Le donne che conducono uno stile di vita sano e non hanno problemi di peso sono comunque agevolate, ed hanno maggiori possibilità di portare a termine con successo la gravidanza.

Tags dell'articolo:
· ·
Categorie dell'articolo:
Gravidanza

Commenti

  • Giulia Fulceri faglielo leggere a mamma <3

    Alice Fulceri Alice Fulceri 22 febbraio 2017 23:29 Rispondi
  • Io qst cose nn le concepisco proprio….povere creaturine!!!

    Ivan Braccini Ivan Braccini 23 febbraio 2017 7:47 Rispondi
  • Non sono d’accordo..tutto ha un tempo, se non diventi mamma prima bisogna rinunciare..il resto è puro egoismo

    Elisa Villani Elisa Villani 23 febbraio 2017 8:22 Rispondi
    • A me una frase del genere è stata detta a 30 anni… siccome non ero diventata mamma prima dovevo rinunciare. Mi sembra una minchiata: chi decide l’età limite? 30? 35? 45?!?

      Valentina Restani Valentina Restani 23 febbraio 2017 12:39 Rispondi
    • Valentina chi ti ha detto quella frase a 30 anni era fuori luogo. Ma secondo il mio parere diventare mamma a 50 anni non è giusto soprattutto per il bimbo/a: a 10 anni si ritrova una mamma/nonna, a 20 anni dovrà già pensare a fare da badante alla propria madre e a 30 anni o poco più con molta probabilità perderà il genitore. A me onestamente non sembra giusto e mi sembra una cosa alquanto egoistica. Ripeto questa è la mia opinione, e comunque io non mi permetto di dire che le opinioni degli altri sono ‘minchiate’..posso non condividerle ma ognuno è libero di pensarla come vuole!

      Elisa Villani Elisa Villani 23 febbraio 2017 13:17 Rispondi
    • Valentina Restani la natura. Ecco chi decide. Perché un bimbo deve avere una mamma-nonna? Io ho fatto l’ultima a 41 anni. E secondo me non si può andare molto oltre. La vita si è spostata in avanti, ma il corpo, quello è come è sempre stato. E’ lo stesso di quando i figli si facevano a 20 anni. Il fatto che puoi fare controlli e simili non significa che siamo più adatte: significa solo che adesso abbiamo la facoltà di capire se quel feto è ok, e il diritto di buttarlo via se non soddisfa i requisiti di salute.

      Maddalena Capra Lebout Maddalena Capra Lebout 23 febbraio 2017 14:26 Rispondi
  • Assurdo

    Alexandra Enea Alexandra Enea 23 febbraio 2017 8:31 Rispondi
  • Ma anche no

    Lidia Sassanelli Lidia Sassanelli 23 febbraio 2017 12:38 Rispondi
  • NO COMMENT

    Lisa Ruggiero Lisa Ruggiero 23 febbraio 2017 12:55 Rispondi
  • I figli è bello averli da giovani!

    Cecilia Rossi Cecilia Rossi 23 febbraio 2017 12:57 Rispondi
    • Certo, basta potersi permettere di mantenerli degnamente ed avere la testa per seguirli come si deve

      Monica Cicu Monica Cicu 23 febbraio 2017 14:47 Rispondi
  • Va bene fare un figlio al massimo a 40 —45 anni ed è già tanto….anche perché se no questo figlio a 20 anni deve stare a prendere cura dei genitori anziani…e poi pensate a tutti quelli che gli prenderanno per il culo….

    Oana Madalina Oana Madalina 23 febbraio 2017 13:03 Rispondi
  • Mu dispiace ma non sono d’accordo.

    Martina Stagi Martina Stagi 23 febbraio 2017 13:32 Rispondi
  • Over 50 mi sembra eccessivo..

    Monica Cicu Monica Cicu 23 febbraio 2017 14:47 Rispondi
  • Io sono diventata mamma a 42 anni. Ho avuto una gravidanza meravigliosa. Un parto tranquillissimo e mia figlia è splendida.

    Francesca Palermo Patera Francesca Palermo Patera 23 febbraio 2017 16:49 Rispondi
  • Io non giudico nessuno penso che nn c’è un età prestabilita per la maternità , a parere di donne 45-50 anni sento dire che nn ce l’ha farebbero a stargli dietro …. Poi Bo !

    Famigliaforti Ir Famigliaforti Ir 23 febbraio 2017 16:57 Rispondi
  • sembra quando vai in giro che sei con la nonna e non con la mamma

    Florentina Pintilie Bordo Florentina Pintilie Bordo 24 febbraio 2017 10:05 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *