“Perché non fai un figlio?” La domanda che ferisce…

Scritto da
perché non fai un figlio

 Mara ha dovuto ascoltare per circa 20 anni sempre la medesima domanda: Quando ti decidi a fare un figlio? Ogni volta è stato come ricevere una pugnalata al cuore. Proprio per questo motivo oggi la sua testimonianza vuole essere di insegnamento a tutti coloro che in maniera superficiale e poco rispettosa entrano nelle vite altrui con domande inopportune e crudeli.

La domanda più temuta: perché non fai un figlio?

Perché non fai un figlio? È la domanda più temuta da una donna, perché la risposta, nella maggior parte dei casi, è complessa e nasconde intime e profonde sofferenze. Non procreare, infatti, non è sempre una scelta consapevole, ma spesso è dovuto a una vera e propria impossibilità.

Perché non fai un figlio? La storia di Mara

Sin da quando Mara è convolata a nozze ad appena 22 anni, parenti, amici e conoscenti l’hanno messa sotto pressione con la terribile domanda “Quando vi decidete a fare un figlio?”. A tal proposito Mara ha dichiarato: “Questa domanda mi metteva agitazione, come se stessi mancando a un’aspettativa sociale”. Ben presto Mara scopre di essere affetta da endometriosi, una patologia che mette seriamente a rischio la fertilità femminile. La donna, tuttavia, ha deciso di non condividere con terze persone questa terribile scoperta: “Vivevo il mio dolore nella più cupa solitudine, e quella domanda diventava sempre più insistente e inappropriata. A volte mi riempiva gli occhi di lacrime e rimanevo senza parole”.

In seguito alla terapia ormonale, Mara riesce finalmente a rimanere incinta, ma purtroppo sarà costretta a vivere il dramma di un aborto spontaneo: “Allora ho dovuto, purtroppo, ammettere che ci stavamo provando: da quel momento le intromissioni sono diventate insopportabili”. Poi è iniziato il percorso della fecondazione assistita, ma anche in questo caso non c’è stato nulla da fare: il figlio tanto atteso non è mai arrivato.

Mara, alla fine, ha compreso che avrebbe potuto essere una persona felice e realizzata anche senza un figlio, che pure aveva tanto desiderato. Proprio per questo motivo ha deciso di coltivare le proprie passioni e di dedicarsi anima e corpo al lavoro e alla vita di coppia. Ancora oggi, ammette la donna, vuoi per ignoranza o per superficialità, le persone continuano a porle il medesimo quesito, ma ora Mara è pronta a raccontare con serenità la propria storia, anche se non tutti meriterebbero di ascoltarla. 

Categorie dell'articolo:
Cerco un bimbo

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *