Cos’è la retina antisoffoco e come funziona

Scritto da
retina antisoffoco svezzamento

Un po’ tutti i genitori hanno paura che i propri figli possano soffocare a causa di un boccone finito di traverso. Per evitare questo problema, da un po’ di tempo a questa parte, è stata ideata un’apposita retina antisoffoco. Vediamo di cosa si tratta.

Le caratteristiche della retina antisoffoco

La retina antisoffoco è una sorta di ciuccio completamente avvolto in una garza a maglie abbastanza strette che consente al bambino di mangiare evitando il pericolo di soffocamento. La retina può essere adoperata da bambini a partire dal compimento del decimo mese in poi.

In pratica la retina consente al bambino di succhiare il cibo fornito attraverso la garza che fa da filtro. Queste retine antisoffoco possono essere acquistate presso in negozi specializzati per la prima infanzia o anche online. Attualmente non è un prodotto così diffuso nonostante sia stato immesso in commercio quasi dieci anni fa.

Pro e contro dell’uso della retina antisoffoco

L’utilizzo della retina antisoffoco impedisce che il bambino possa soffocare ma al contempo non gli permette di sperimentare le diverse consistenze dei cibi, di imparare ad avere a che fare con pezzetti più o meno grandi di cibo solido. La retina antisoffoco ovviamente non può essere adoperata vita natural durante e prima o poi il bambino avrà comunque a che fare con cibi solidi.

Il rischio è quello che non impari a mangiare correttamente fin da subito e che si possa trovare più in difficoltà degli altri una volta eliminato il sistema della retina. Sarebbe più opportuno tagliare frutta e verdura a pezzi di media grandezza in modo che il bambino possa tenerli in mano e mangiarne un pezzetto alla volta.

Inoltre è consigliabile che i genitori imparino le manovre di disostruzione delle vie aeree. Nelle città ma anche nei piccoli centri vengono impartite lezioni gratuite di primo soccorso presso pubbliche assistenze e altri tipi di associazioni di volontariato. 

Categorie dell'articolo:
Svezzamento

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *