Tempi e le modalità di recupero dopo il parto cesareo

Scritto da
recupero-dopo-parto-cesareo-tempi-modalita
antoniettabandelloni@ipink.it'

Dopo il parto cesareo ci si domanda dopo quanto tempo si possa iniziare a mangiare, alzarsi dal letto e altre cose simili. Il dottor Bombelli, responsabile della sala parto del San Raffaele, punto per punto chiarisce ogni dubbio.

Il recupero dopo il parto cesareo: quando mangiare e alzarsi

Fino a non troppi anni fa, le donne che avevano partorito mediante il cesareo, potevano iniziare a mangiare a distanza di 24 ore dal parto.

Attualmente, se il cesareo viene fatto durante la mattinata, la neo mamma può bere e mangiare qualcosa di non eccessivamente pesante già in serata.

In questo modo potrà recuperare più in fretta le energie perdute e questo aiuta anche dal punto di vista psicologico in quanto l’autonomia no fa sentire la donna alla stregua di una paziente malata. Nelle ore immediatamente successive all’intervento chirurgico l’uso della flebo è indispensabile per reidratare la donna.

La permanenza a letto è molto limitata e attualmente le neo mamme si possono già sedere a distanza di poche ore dal parto. Solo dopo ventiquattro ore è possibile iniziare a stare in piedi e fare qualche passo. Questo accorgimento è finalizzato a scongiurare il pericolo di trombosi venosa profonda che viene favorita da una prolungata immobilità.

È consigliato indossare la fascia addominale durante i giorni successivi al parto che aiuta ad alleviare la tensione nella zona della sutura e a tenere vicini i lembi della sutura. L’utilizzo della fascia non è certo obbligatorio ma allevia il dolore e permette di camminare comodamente. L’importante è ricordarsi di toglierla quando si sta a letto oppure seduti.

Il recupero dopo il parto cesareo: la fine delle perdite e dei dolori uterini

Le perdite ematiche sono le stesse di chi ha partorito per via vaginale e hanno la medesima durata che oscilla fra i 30 e i 40 giorni circa. Le lochiazioni sono del tutto fisiologiche e non richiedono alcun intervento medico. Solo se risultano particolarmente abbondanti è necessario rivolgersi al ginecologo per controllare se effettivamente è tutto regolare.

I dolori che si provano dopo un cesareo sono gli stessi di chi ha avuto un parto naturale. Sono causati dalle contrazioni dell’utero che poco a poco ritorna alle sue dimensioni naturali. Se i dolori causati dall’incisione sono intensi, si può assumere del paracetamolo sotto stretto controllo medico.

Categorie dell'articolo:
Travaglio e parto

Commenti

61 Comments
  • Chobin_79@alice.it' Barbara ha detto:

    Io fatto cesareo esattamente 1 anno fa. Prima gravidanza l’unica cosa negativa per me è stata l’anestesia mi era saliTa troppo e non riuscivo a respirare. Per fortuna tutto bene. Mi sono alzata e ho mangiato dopo 24 ore . Fastidio e dolore alla cicatrice ma dopo è passato tutto. Non lo rifarei solo per l’anestesia ho avuto troppa paura. Per il resto è stata quasi una passeggiata. Non posso lamentarmi.

  • In piedi dopo 24 ore??? Io ho partorito con cesareo d’urgenza dopo 21ore di travaglio la sera alle 20.33, e la mattina dopo, alle 7.30, ero già in piedi che camminavo per la stanza… Ma devo ammettere che la sera già mi muovevo abbastanza bene… Ho accudito il mio bimbo senza bisogno di alcuna assistenza….

  • Dovete chiedere a chi ha subito il cesareo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *