Italia, troppi ospedali sotto la soglia di sicurezza

Scritto da
ospedali-italia-troppi-punti-nascita-sotto-la-soglia-di-sicurezza

Secondo i dati raccolti dal Programma Nazionale Esiti 2015 stilato da Age.na.s – Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, per il Ministero della Salute, nel 2014, ben 123 strutture ospedaliere (circa il 24% del totale) non superava la soglia dei 500 parti all’anno.

Ospedali in Italia: perché il numero di parti è importante per la sicurezza

E’ stata stabilita una soglia minima di 500 parti all’anno per struttura, perché maggiore è il numero di parti che avvengono in un punto nascita, maggiore è la sua capacità di affrontare situazioni di emergenza

Il numero dei parti che l’ospedale gestisce in un anno non sono l’unico fattore che vine preso in considerazione per definire se un punto nascita sia o no in grado di rispettare determinati standard.

 Per affrontare le emergenze, un punto nascita deve garantire la presenza costante (cioè  24 h su 24) di un ginecologo, di un  neonatologo, di un ostetrica e di un anestesista. 

I punti nascita più piccoli che, pur non raggiungendo i 500 parti all’anno, garantiscono questi servizi essenziali, hanno quindi la possibilità di continuare ad operare e non rischiano di essere chiusi od accorpati a realtà più grandi, specialmente se si trovano in zone più disagiate. 

 Ospedali e sicurezza in Italia: troppi interventi di parto cesareo

Un altro punto dolente emerso da quest’analisi è quello dei parti cesarei: negli ospedali italiani si ricorre troppo frequentemente al parto cesareo, tanto che l’Italia risulta al primo posto tra i Paesi europei i cui ospedali ricorrono al parto cesareo anche quando non ce n’è motivo. 

Malgrado le raccomandazioni dell’Istituto Superiore di Sanità, che ricorda ai medici il fatto che il cesareo sia un intervento, e, per questo, non esente da rischi, negli ospedali si continua a ricorrere al parto cesareo anche in presenza di gravidanze fisiologiche e senza complicazioni. Questo avviene soprattutto al Sud e nelle cliniche private. 

Un fatto positivo è invece l’aumento del numero delle Case per il Parto, strutturate sul modello inglese, situate sia all’interno delle strutture ospedaliere che fuori da esse. Qui le future mamme sono seguite da ostetriche qualificate e possono vivere l’esperienza del parto in una dimensione più rilassata e meno medicalizzata.

Categorie dell'articolo:
Travaglio e parto

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *