Morire di parto nel 2015, è davvero questione di sfortuna?

Scritto da

Da un po’ di tempo a questa parte, grazie anche a numerose ostetriche di nuova scuola, si promuove il parto naturale, spontaneo e, se possibile, in casa. Il parto in ospedale oggi, come molti sostengono, è troppo medicalizzato. Si ricorda infatti che partorire non è una patologia, e come tale non ha bisogno, salvo casi eccezionali, di cure e trattamenti medici.

Purtroppo però, ormai sembra che le donne non siano più in grado di partorire in modo fisiologico. Non si può fare certo un processo all’intenzione e tuttavia va detto che la gravidanza fisiologica può arrivare anche alle 42 settimane, ma sembra che per molti vi sia una data di scadenza, sembra che entro la fine della 40° settimana il parto debba obbligatoriamente avvenire.

Questo è uno dei motivi per cui molti parti oggi vengono indotti mediante l’infusione per via endovenosa di ossitocina, in modo da provocare le contrazioni che dilatano l’utero. Questo è quanto è stato fatto anche a una donna che ieri mattina è deceduta mentre le veniva praticato un taglio cesareo d’emergenza. Ancora la dinamica è al vaglio degli inquirenti e si attendono anche i risultati dell’autopsia per capire la causa del decesso. Stando alle testimonianze degli operatori sanitari, la donna, che si trovava ricoverata nell’ospedale Agnelli di Pinerolo da due giorni, subito dopo la somministrazione di ossitocina per via endovenosa, dopo le prime contrazioni, avrebbe iniziato a stare male. Sembra che il quadro clinico fosse già comunque problematico.

Colta da infarto, la gestante è stata immediatamente portata in sala operatoria dove le è stato praticato un taglio cesareo d’emergenza e col quale è stato possibile far nascere la bambina che ora sta bene. Durante l’intervento è sopraggiunto un secondo infarto che la donna, purtroppo, non ha superato. Resta il dolore dei parenti, assieme a tanti punti interrogativi che, al momento, non possono che essere congetture.

E tuttavia, forse, ma questa è solo una riflessione, si dovrebbe dare alla natura il tempo di fare il suo corso, perché morire di parto nel 2015 non può essere solo una tragica fatalità.

Condividi il post:

Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Travaglio e parto

Commenti

  • Mi fa incazzare come una bestia leggere queste cose!!! I parti con induzione fanno schifo ma al gran numero di operatori piace tanto. Dicono che le donne non sanno partorire. Ma nessuno lascia correre il parto spontaneo. Hanno sempre fretta… E tutto questo è tristissimo! Le mie condoglianze alla famiglia…

    Svetlana Nikulina Svetlana Nikulina 23 ottobre 2015 13:47 Rispondi
  • R.i .p

    Antonella Graccione Antonella Graccione 25 ottobre 2015 23:52 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *