Zuccheri nelle bibite, le più pericolose per i bambini

Scritto da
zuccheri nelle bibite bambini

Una ricerca ha rivelato che le bibite, soprattutto quelle gassate, contengono un’alta quantità di zuccheri e alcune superano il limite giornaliero di zucchero che è di 7 cucchiaini.

Zucchero nelle bibite per i bambini, ce n’è troppo

Il sondaggio pubblicato dal British Medical Journal ha rivelato che oltre la metà delle bibite gassate contiene più di 30 gr di zucchero, ovvero la dose quotidiana raccomandata dall’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) per chi abbia compiuto gli 11 anni di età. Per gli uomini il limite di zucchero al giorno è di 9 cucchiaini, mentre per le donne è di 6. Ma non sono solo le bibite gassate, come le lattine di cola con 8 cucchiaini di zucchero,  ad aumentare il rischio di diabete e obesità infantile, ci sono anche i cibi confezionati come: succhi di frutta in cartone piccolo, che contengono 5 cucchiaini di zucchero, barrette di cioccolato con i loro 6 cucchiaini e bibite alla frutta con ben 25 cucchiaini.

Zucchero nelle bibite per i bambini, le più dolci

Dal sondaggio è emerso anche che la bibita più zuccherata in assoluto è la birra allo zenzero con 9,6 cucchiaini di zucchero, seguita dalle cole aromatizzate con 9,4 e dalle bibite alla vaniglia e aranciate con 7 cucchiaini circa. In molti Paesi sono stati adottatidei seriprovvedimentiper cercare di ridurre il consumo di bibite con un’alta dose di zuccheri. In America ad esempio nasce una tassa sulle bibite dolci, la Soda Tax, grazie a cui saranno anche riportati gli zuccheri aggiunti e totali sulle etichette degli alimenti confezionati.

C’è da dire che per ogni bibita bevuta al giorno aumenta del 19% il rischio di problemi cardiovascolari e del 60% quello per l’obesità. Le bevande zuccherate inoltre non contengono sostanze nutritive, al contrario favoriscono l’aumento del peso, la carie e creano dipendenza per via della caffeina.

Categorie dell'articolo:
Alimentazione

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *