Tra i Muppets arriva Lucy, bimba autistica

Scritto da

Chi non conosce i Muppets? Dagli anni ’50 questi simpatici pupazzi hanno conquistato i bambini di tutto il mondo, con le loro storie e le loro battute. Ora nello show sta per arrivare un personaggio molto particolare: si chiama Lucy ed è una bambina affetta da autismo.

Si tratta di una scelta fatta, dice Sherrie Rollins Westin, vicepresidente di Sesame Workshop, per far capire agli altri bambini come riconoscere i compagni che soffrono di disturbi dello spettro autistico.

Infatti se un bambino di pochi anni ne incontra un altro che non accetta il contatto visivo, o che ha altri comportamenti classici dello spettro autistico, potrebbe pensare che si tratti semplicemente di un bambino antipatico, che non vuole giocare con lui, e di conseguenza isolarlo.

Si tratta di un’iniziativa assolutamente lodevole, e che s’inscrive perfettamente negli standard della fortunata serie educativa che vede i muppets protagonisti.

I disturbi dello spettro autistico sono tanti, diversi tra di loro e secondo uno studio ne soffre 1 bambino su 70. Un problema diffuso, che prima era difficile riconoscere, mentre ora è sempre più sotto la lente d’ingrandimento dei medici. Purtroppo però chi soffre di questi problemi, ha molte più probabilità di diventare vittima di bullismo: per questo motivo è importante sensibilizzare tutti i bambini sulle eventuali difficoltà dei compagni di scuola.

La piccola Lucy sarà quindi rappresentata come una bimba che si comporta diversamente dagli altri, che fa fatica a agganciare il contatto visivo e che magari preferisce giocare da sola invece che con gli amici. Lucy non comparirà però nel programma televisivo ma nei prodotti digitali e in quelli editoriali.

Una sensibilizzazione importante, per conoscere un tipo di disturbo che spesso, anche a causa della sua complessità, resta ammantato dietro un velo di incertezza e di non detto.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Notizie dal mondo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *