Napoli: pedofilo rischia il linciaggio delle mamme

Scritto da
Napoli mamme linciano pedofilo

Dopo le terribili rivelazioni sull’orco di Caivano che avrebbe ucciso la piccola Fortuna Loffredo (conosciuta da tutti come Chicca), gettandola dal quarto piano, sempre da Napoli arriva la notizia di un’altra aggressione sessuale da parte di un pedofilo ai danni di tre bambine.

Il tentativo di linciaggio da parte delle mamme delle vittime

L’uomo, di 57 anni, poco prima di essere prelevato dalla Polizia,  stava per essere linciato da un gruppo di mamme inferocite e disgustate dall’ennesimo abuso nei confronti di minori. Tra di loro anche le genitrici delle ultime 3 vittime. L’intervento delle forze dell’ordine ha salvato l’uomo dalla legittima rabbia della folla. Successivamente è stato condotto in Questura per l’identificazione.

I fatti

Secondo la ricostruzione della Polizia, il pedofilo avrebbe aggredito le tre ragazzine, di età compresa tra i 10 e i 12 anni, mentre uscivano da una paninoteca, ubicata presso la Stazione Centrale di Piazza Garibaldi. Dopo averle pesantemente offese le ha palpeggiate nelle parti intime, ma, fortunatamente, un passante che ha assistito alla scena è riuscito ad allertare per tempo le forze dell’ordine, impedendo che l’abuso fosse portato a termine.

Condividi il post:
Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Notizie dal mondo

Commenti

  • Se si trova il colpevole tanto vale farsi giustizia! Senza aspettare niente,che tanto poi si sa come finisce…gli avvocati corrotti fanno di tutto e questi maledetti restano impuniti! La pedofilia non è una malattia!!!!

    Valeria Mottola Valeria Mottola 3 maggio 2016 18:06 Rispondi
    • La pedofilia é una malattia. Questo non esclude che questi esseri ignobili debbano essere puniti severamente (io sono a favore della castrazione chimica). Purtroppo quando lo Stato (gli avvocati che cosa c’entrano?) non é in grado come il nostro di assolvere al proprio ruolo la giustizia privata resta l’unica scelta. E queste madri hanno fatto benissimo! Quelle di Caivano sono di gran lunga più meschine.

      Alessandra Paola Carbone Alessandra Paola Carbone 3 maggio 2016 18:13 Rispondi
  • Ammazzarli sono dei pezzi di merda ma tanto ci penseranno i detenuti a farli fuori la giustizia italiana non farà nulla anzi lo faranno diventare una star sto bastati

    Pina Di Donato Pina Di Donato 4 maggio 2016 18:51 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *