Contraccezione: come fare durante l’allattamento?

Scritto da
contraccezione-durante-allattamento

Per poter escludere a tutti gli effetti una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto è fondamentale adottare un metodo anticoncezionale diverso dal semplice allattamento. Questo perché, pur essendo un contraccettivo, l’allattamento non è molto efficace come dimostrano le tante gravidanze non programmate a distanza di qualche mese dal parto.

Neomamme e ovulazione

L’allattamento gioca un ruolo fondamentale nel processo di ovulazione, in quanto le mamme che allattano hanno il loro primo ciclo anche dopo sei mesi dal parto, mentre le altre hanno la loro prima ovulazione al più tardi dopo sei settimane dalla nascita del pargolo. In base a quanto appena scritto, l’allattamento sembrerebbe un metodo infallibile per scongiurare gravidanze indesiderate, eppure non è così in quanto l’ovulazione avviene nelle due settimane precedenti la prima mestruazione, un periodo quindi assolutamente fertile in cui molte donne rimangono di nuovo incinta. Di conseguenza, per evitare una simile eventualità è buona regola affidarsi ad altri metodi contraccettivi durante l’allattamento. Quali? Scopriamolo insieme.

Metodi contraccettivi durante l’allattamento

Esclusa la comune pillola anticoncezionale, per via del suo quantitativo di estrogeni che può avere un impatto negativo sulla quantità e qualità del latte, nonché sulla durata complessiva della fase di allattamento, i metodi contraccettivi più indicati durante l’allattamento sono principalmente la mini-pillola, il preservativo, il diaframma e la spirale.

Diversamente dalla pillola classica, la mini-pillola può essere utilizzata dopo 3-4 settimane dal parto anche dalle mamme che allattano perché contiene solo progestinici che, tra le altre cose, non aumentano il rischio di trombosi già di per sé più alto nelle puerpere. L’unico inconveniente da prendere in considerazione riguarda le modeste perdite ematiche, anche quotidiane, che la mini-pillola può causare.

Il preservativo è sicuramente il metodo contraccettivo più indicato, sia perché non ha alcuna implicazione sull’allattamento sia perché la vita sessuale di quasi tutte le coppie che hanno un bambino piccolo non è poi così intensa. A differenza del preservativo, il diaframma può essere utilizzato dopo almeno 6 settimane dal parto perché bisogna aspettare che l’utero torni alla sue dimensione normali.

Infine dopo 6-8 settimane dal parto, le mamme che allattano possono ricorrere anche all’ausilio della spirale di rame, assolutamente priva di ormoni.

Condividi il post:
Categorie dell'articolo:
Allattamento · Gravidanza

Commenti

  • Semplicemente non prendendo nessuna pillola

    Sabry E Biagio DiGiorno Sabry E Biagio DiGiorno 12 novembre 2016 12:35 Rispondi
  • esiste una pillola che può essere presa durante l allattamento…io l ho fatto e ha funzionato benissimo! invece di essere in confezione da 21 sono 28 e vanno prese sempre denza mai staccare

    Nunzia Baldelli Nunzia Baldelli 12 novembre 2016 13:54 Rispondi
    • assolutamente benissimo…nn ho avuto nessun tipo di problema…l ho presa x tutto il periodo dell allattamento.si chiama Nacrez e costa circa 10 euro

      Nunzia Baldelli Nunzia Baldelli 12 novembre 2016 16:13 Rispondi
    • Io ne sto prendendo una ma da prendere senza interruzioni ma tra gli effetti indesiderati può provocare irregolarità nel ciclo

      Valentina Peppe Valentina Peppe 12 novembre 2016 16:36 Rispondi
  • Io confermo non prendo alcuna precauzione e durante l’allattamento prima che mi tornasse il ciclo non sono rimasta incinta. Ora è ricomparso e spero di rimanere incinta presto.

    Adrianangi Nones Adrianangi Nones 12 novembre 2016 14:41 Rispondi
    • Anch’io ho fatto così, poi all 8 mese mi é tornato il ciclo… E al 10 mese ero in cinta ancora 🙂

      Jessica Je Je Panza Jessica Je Je Panza 12 novembre 2016 16:17 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *