Se il bambino assomiglia al papà vive più sereno

Scritto da

Quando si aspetta un figlio, l’attenzione principale è quasi sempre concentrata sulla mamma mentre ai papà spetta generalmente un ruolo secondario. Anche per ciò che concerne le somiglianze ci si concentra principalmente sulla mamma ma oggi le cose sembrano essere cambiate. Secondo alcuni studi scientifici infatti, se il neonato assomiglia al papà probabilmente sarà portato ad avere una vita più serena.

Se il piccolo assomiglia al papà è più sano: lo studio

Questa ricerca è stata condotta dalla Binghamton University di New York insieme alla State University. L’indagine è arrivata alla conclusione che i bambini che hanno un numero di geni del papà maggiore rispetto a quelli della mamma hanno più possibilità di avere una vita sana e serena.

La causa non risiederebbe in fattori genetici o ereditari ma esclusivamente nell’abitudine: i papà infatti sembrerebbe essere più propensi a trascorrere del tempo di qualità con i figli che assomigliano loro di più. Questo aspetto dunque avrebbe delle ripercussioni positive anche sulla vita del bambino.

Per giungere a tali affermazioni gli studiosi hanno preso in esame 715 bimbi vissuti solo con la madre: sono stati dunque vari aspetti come il rapporto con il genitore, la salute, le visite ospedaliere. Da tali dati è emerso quindi che i piccoli che assomigliavano al papà nel primo anno di vita avevano un livello di salute più alto rispetto agli altri.

L’importanza del papà nella crescita del bambino

Dalla ricerca è emerso inoltre che i papà tendono a trascorrere più tempo con i figli che gli assomigliano (circa 2,5 giorni in più al mese) in quanto li sentono più vicini a loro, come spiega il dottor Polachek. Nella crescita di un bambino la figura paterna è importante tanto quanto quella della madre: per questo motivo i padri dovrebbero trascorrere più tempo insieme ai propri figli.

Tale aspetto è indispensabile per fare in modo che il bimbo cresca sano e felice, soprattutto nel caso in cui i genitori siano separati. In questi casi infatti il bambino tende sempre a vivere con una certa angoscia la separazione tra la mamma e il papà: per tale ragione il compito dei genitori deve essere quello di fargli capire che nulla è cambiato nella sua vita e che entrambi saranno presenti nel corso della sua crescita futura. Pertanto i papà, che di solito vivono lontano dai figli quando si separano, dovrebbero essere più coinvolti nella vita del bambino cercando di vederlo quanto più possibile, interessandosi alla sua situazione sanitaria, economica e psicologica. In questo modo si potrà garantire uno sviluppo sereno al piccolo senza traumi e disagi.

Categorie dell'articolo:
Educazione/psicologia

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *