Poppate notturne: viverle serenamente sfatando i miti

Scritto da
poppate notturne falsi miti

Molti genitori vivono le poppate notturne con ansia e frustrazione. Mentre la mamma è ancora in dolce attesa, i futuri neo genitori si stanno già chiedendo quando il bambino li farà dormire tutta la notte o se i risvegli notturni saranno frequenti.

Terrorizzati dai racconti da incubo di amici e parenti dalle notti insonni, i neo genitori vanno a caccia di notizie, trucchi e ogni altro espediente per poter dormire tutta la notte. In realtà le poppate notturne, per quanto fisiologiche devono essere vissute serenamente senza rincorrere falsi miti. Vediamoli assieme.

I neonati allattati artificialmente dormono di più?

Questa è una delle credenze più diffuse e cioè che il latte artificiale sazi di più e che il bimbo dorma di più. Sarà pur vero che il latte artificiale è più “lungo” da digerire ma è altrettanto vero che la sveglia notturna del bambino dipende anche da altri fattori. Man mano che cresce subentra anche la curiosità del bambino per un rumore o per un’esperienza fatta di giorno che ritorna a galla di notte. Ed ecco che il bambino si sveglia…

Poppate notturne = solo coccole?

Spesso si ritiene che il piccolo di notte cerchi il seno per essere coccolato piuttosto che per nutrirsi. In realtà i bambini hanno bisogno di nutrirsi e il seno anche di notte produce latte. Allattare al seno anche di notte permette di mantenere alta la produzione di latte e avere il seno di nuovo pieno al mattino!

Collaborare con la mamma per ridurre la sua stanchezza

Allattare di notte non è semplice ed è per certi versi è veramente faticoso. Soprattutto se la mamma è già rientrata al lavoro, può subentrare la stanchezza. Il risveglio poi può essere prolungato da altri “eventi” come il pannolino sporco da cambiare o un pianto improvviso da calmare. E non è certo facile. Le persone intorno alla mamma (il marito/compagno in primis!) dovranno collaborare per evitare che il carico ricada tutto su di lei e per far sì che la crescita del piccolo sia serena.

Categorie dell'articolo:
Allattamento

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *