È davvero possibile una gravidanza durante l’allattamento?

Scritto da
gravidanza durante allattamento e fertilità

È credenza diffusa che nel periodo dell’allattamento la possibilità che si verifichi una nuova gravidanza è praticamente nulla. In realtà le cose non stanno esattamente così.

Gravidanza durante l’allattamento, è davvero possibile?

In primo luogo va detto che l’allattamento è possibile grazie a elevati livelli di prolattina  (o PRL) nell’organismo materno, ovvero un ormone polipeptidico secreto dall’ipofisi anteriore, la ghiandola posta alla base del cervello. In condizioni normali il livello di prolattina nel sangue è tenuto sotto controllo dalla dopamina. Durante la gravidanza la prolattina aumenta per inibire il ciclo mestruale e per consentire la futura lattazione; nella fase dell’allattamento poi, a mantenere il livello di prolattina alto, interviene la corretta suzione da parte del bambino.

Gravidanza durante l’allattamento, l’ormone inibitorio della gravidanza

Questo ormone ha senz’altro un effetto inibitorio sull’ovulazione, ma non costituisce un metodo contraccettivo valido al 100%. In particolare va sottolineato che  il Metodo dell’Amenorrea Lattazionale è potenzialmente efficace solo se:

1 – l’allattamento e a richiesta (sia il giorno che la notte) e se si rispettano determinato ritmi (ad esempio che la pausa diurna tra una poppata e l’altra non sia superiore alle 4 ore);

2 – il lattante ha meno di 6 mesi;

3 – il seno è utilizzato anche con funzione consolatoria;

Gravidanza durante l’allattamento quando è misto

Qualora, invece, l’allattamento sia una pratica di nutrizione parziale (nel senso che a esso si alternano altri cibi o il latte artificiale), la donna può tornare a essere fertile da un momento all’altro. Anche quando almeno una delle altre due condizioni non si verificano, l’allattamento non può essere considerato un metodo contraccettivo sicuro. D’altra parte va anche detto che, se è vero che un elevato livello di prolattina inibisce l’ovulazione, è pur vero che esso non l’annulla del tutto. Ciò significa che, anche nel caso in cui la prolattina sia alta e il capoparto non si sia ancora manifestato, può comunque avere luogo una nuova gravidanza.

Categorie dell'articolo:
Allattamento · Concepimento

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *