L’allattamento materno riduce il dolore del cesareo

Scritto da
allattamento materno dolore cesareo

Che avvenga per via naturale o con taglio cesareo, per riprendersi dal parto ci vogliono almeno sei settimane di tempo, e anche due o tre mesi prima che il fisico riacquisti la sua forma completa. In entrambi i casi, è consigliato di attaccare al seno il bambino il prima possibile.

I benefici dell’allattamento materno, sia per il neonato che per la mamma, sono innegabili. E da uno studio spagnolo sembra emergerne uno ulteriore: allattare al seno riduce il dolore del parto cesareo.

Lo studio in Spagna sull’allattamento materno

Per provare la sua tesi, un team di ricercatori dell’Hospital Universitario Nuestra Señora de Valme di Siviglia ha preso in esame 185 donne che avevano partorito con taglio cesareo tra il 2015 e il 2016.

Alle madri che hanno preso parte alla ricerca è stato chiesto quale tipo di allattamento praticassero e di quantificare il dolore cronico provocato dal taglio, a distanza di 24 ore, 72 ore e 4 mesi dal parto.

Il risultato dello studio sul dolore

Il risultato di questo studio è stato presentato al convegno Euroanesthesia, tenutosi a Ginevra dal 3 al 5 giugno. Questi i dati: delle donne intervistate, l’87% ha scelto di allattare al seno i propri figli e il 58% ha continuato a farlo per più di due mesi e mezzo. Il dato interessante, tuttavia, è un altro: nel 23% di neomamme che ha allattato al seno per meno di due mesi, il dolore cronico nella zona dove è stato praticato il cesareo era presente anche a distanza di 4 mesi dal parto; dato che scende all’8% nelle donne che hanno continuato ad allattare. Insomma sembra proprio che allattare al seno riduca il dolore cronico provocato dal cesareo.

Mamme, non desistete con l’allattamento materno!

Le evidenze provate da questa ricerca, sebbene debbano essere corroborate da altri studi, sono un’ulteriore conferma dell’importanza dell’allattamento materno. Perciò, care mamme, non desistete. Allattare dopo un taglio cesareo non solo è possibile, ma altamente consigliato. E adesso c’è una ragione in più a dimostrarlo!

Categorie dell'articolo:
Allattamento

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *