Come stimolare l’autostima nei bambini

Scritto da
autostima bambini

Credere nelle proprie potenzialità e stare bene con sé stessi sono delle capacità fondamentali per vivere bene. Tuttavia per relazionarsi con gli altri, è fondamentale avere una buona dose di autostima.

L’autostima non è innata ma è necessario coltivarla fin da piccoli e i genitori sono fondamentali in questo processo di crescita della propria percezione di sé. Ecco alcune semplici consigli da mettere in prativa per instillare nei propri figli l’autostima.

Insegnare l’autostima ai propri figli

Amate i bambini senza condizioni.

I figli devono avere la certezza che i genitori li amino in ogni momento e in ogni situazione. Mai minacciare i bambini quando si è arrabbiati con frasi del tipo “Se non ubbidisci subito non ti voglio più bene”.

Ascoltate sempre ciò che vi raccontano.

Non essere ascoltati quando si ha qualcosa da dire è una frustrazione per tutti. Immaginatevi per un attimo come si possano sentire i bambini quando i genitori non prendono in considerazione ciò che hanno da dire. Ascoltate sempre i bambini anche se a voi sembra che vi raccontino cose di poco conto.

Incoraggiateli.

I bambini ogni giorno apprendono cose nuove. Incoraggiateli nell’imparare costantemente qualcosa ma senza forzarlo quando non ne ha voglia o è stanco. Lodate sempre lo sforzo e non il risultato per spronare i bambini a fare sempre meglio.

L’autostima dei genitori.

Se desiderate che i vostri figli inizino ad avere una buona stima di sé, dovrete essere voi in prima persona un modello di autostima. Affinchè i vostri figli credano in loro stessi anche voi dovete credere nelle vostre capacità genitoriali.

Rispettate la loro personalità.

Ogni bambino ha un proprio personale modo di essere che deve essere rispettato. Se è tendenzialmente timido non costringetelo per forza a giocare con altri bambini che non conosce. Evitate di spingerlo a forzare la sua naturale inclinazione e sarà decisamente più sereno.

Categorie dell'articolo:
Cura del bambino · Educazione/psicologia

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *