Storia di una neomamma: la foto del suo parto cesareo

Scritto da

L’immagine immortalata dalla fotografa Helen Carmina della donna nuda con suo figlio appena nato dopo un parto cesareo e con la cicatrice in bella vista, è diventata in breve tempo virale e, come al solito, ha spaccato in due il popolo del web, tra chi l’ha sinceramente apprezzata e chi, invece, l’ha considerata oltremodo esplicita. Ma quale storia si nasconde dietro questo scatto che ci appare immediatamente suggestivo, tenero e, allo stesso tempo, crudo? Cerchiamo allora di ripercorrere insieme la storia di questa neomamma e della sua foto dopo il parto cesareo.

Una cicatrice sul basso ventre e poco sotto un bimbo neonato accovacciato sul corpo nudo della propria madre: impossibile non fermarsi a osservare questa foto che racconta una delle infinite sfumature legate alla nascita. Più che un’immagine quella immortalata da Helen Carmina è una voce, un sussurro appena udito che unisce indissolubilmente una madre e un figlio in un abbraccio d’amore.

La donna ritratta, che si era rivolta alla fotografa Helen Carmina per un servizio fotografico che la immortalasse col pancione, ha vissuto i 9 mesi di gravidanza con l’incubo di sottoporsi a un parto cesareo. Tutto ciò che desiderava per sé e il proprio bambino era un parto naturale che le consentisse di partecipare in maniera attiva e consapevole alla nascita e di incontrare immediatamente il suo piccolo, a mente lucida. Non chiedeva altro questa donna e nei mesi di gestazione si era preparata al meglio per affrontare il parto spontaneo; eppure, come spesso capita nella vita, accade all’improvviso qualcosa che manda all’aria i propri piani. A causa di una complicanza la mamma che voleva partorire naturalmente è stata sottoposta a un cesareo d’urgenza. Nella concitazione del momento non ha avuto il tempo di rendersene conto, ma quando si è risvegliata ha compreso ogni cosa: il parto cesareo tanto temuto e detestato aveva salvato la propria vita e quella del proprio bambino. Proprio per questo motivo ha richiamato Helen Carmina e le ha chiesto di scattare una nuova foto. L’unica, probabilmente, che le ricorderà per sempre l’amore e il sacrificio che stanno alla base di ogni maternità.

Condividi il post:

Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Notizie dal mondo

Commenti

  • Cicatrici che porto con onore e tantissimo amore

    Vale Ardenghi Vale Ardenghi 25 settembre 2015 19:28 Rispondi
  • Anche io ce l’ho da poco.. E’ il mio sorriso sulla pancia perché da li e’ uscito il mio principino♡

    Marina De Ciottolins Andreini Marina De Ciottolins Andreini 25 settembre 2015 20:25 Rispondi
  • Ne ho tre ,zero sensibilità ma poco importa ho i miei cuccioli qui accanto a me ♡

    CristinaeLuca Napoli CristinaeLuca Napoli 25 settembre 2015 20:40 Rispondi
  • O cesareo o naturale il parto è un evento straordinario! !!!!! Perché fare sempre differenze o confronti una mamma è sempre una mamma. ….

    Monica Riina Monica Riina 25 settembre 2015 22:00 Rispondi
  • Il mio tatuaggio ❤️

    Angela Dell Angela Dell'aquila 26 settembre 2015 0:08 Rispondi
  • Foto bellissima e tutto natura

    Antonella Graccione Antonella Graccione 26 settembre 2015 0:37 Rispondi
  • Due con orgoglio

    Filomena Marino Filomena Marino 26 settembre 2015 7:30 Rispondi
  • 1 cesareo…..ed una amore grandissimo di nome Alice!!!

    Anonimo 26 settembre 2015 9:55 Rispondi
  • Ne ho tre, ed un quarto sarebbe bellissimo lo stesso!

    Rosamaria Di Mauro Rosamaria Di Mauro 26 settembre 2015 10:54 Rispondi
  • Due parti il primo cesareo ho anch’io questa cicatrice ma devo ammettere che naturale è tutta un’altra storia… inutile dire il contrario. Parlo a livello di emozioni. E lo dico perché ho provato entrambi. Ma cmq ben venga x i casi di urgenza!

    Deborah Rosi Deborah Rosi 26 settembre 2015 14:46 Rispondi
  • Ne ho fatto due di cesareo e ne sono orgogliosa

    Maria Bilgini Maria Bilgini 26 settembre 2015 15:24 Rispondi
  • Valentina Iagulli

    Francesca Iagulli Francesca Iagulli 26 settembre 2015 15:33 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *