Induzione del parto, l’ossitocina sintetica non è come quella naturale

Scritto da

Ultimamente moltissimi parti naturali vengono indotti con l’ossitocina. Sono tantissime le donne che, non presentando contrazioni in modo spontaneo, vengono stimolate mediante infusioni di ossitocina sintetica al fine di provocare la dilatazione dell’utero.

Ma cos’è l’ossitocina?

Ovviamente non è un farmaco, bensì un ormone prodotto naturalmente dal nostro corpo in diverse circostanze, ma non ci si lasci trarre in inganno dal fatto che la composizione chimica dell’ossitocina naturale sia la medesima di quella sintetica. A ribadire questo concetto è anche uno dei più rinomati ostetrici, Michel Odent, che per oltre 50 anni ha praticato la professione.

Cos’è l’ossitocina e come funziona

L’ossitocina prodotta naturalmente dal corpo umano è anche chiamata ormone dell’amore, e non a caso dato che viene prodotta durante il parto, l’allattamento, ma anche quando si raggiunge l’orgasmo. Si può quindi asserire che quest’ormone sia implicato in comportamenti affettivi ed empatici. Per quanto riguarda la composizione, come detto, a livello chimico-strutturale non vi sono differenze, si tratta di una molecola semplice, ma quello che differisce enormemente è la modalità di diffusione dell’ossitocina nel corpo.

In condizioni naturali, come il travaglio, l’ossitocina viene prodotta dal cervello. Per dirla in termini molto semplici, una volta prodotta, una parte rimane nel cervello e produce determinati effetti, coinvolgendo anche a livello empatico la donna, una parte si diffonde nei principali organi, come appunto l’utero, dove esercita un’azione meccanica inducendo le contrazioni. Il coinvolgimento di corpo e mente, potremmo dire, è totale, le due cose non sono scisse. Con l’infusione di ossitocina sintetica, invece, la parte emotiva non viene coinvolta dato che l’ormone viene infuso per via endovenosa e l’azione esercitata è solo ed esclusivamente meccanica.

Ossitocina naturale e ossitocina sintetica: cosa cambia?

Cambia moltissimo, perché in un caso si ha un completo coinvolgimento, nell’altro solo una stimolazione artificiale, quindi il cervello non è implicato nel processo di travaglio come lo sarebbe in modo naturale, e anche in considerazione del fatto che per la stimolazione con ossitocina sintetica ne occorre una quantità decisamente maggiore rispetto a quella prodotta naturalmente durante il travaglio, i dolori causati dalle contrazioni vengono percepiti come più forti.

Non è tutto. Non solo l’ossitocina sintetica non raggiunge il cervello a causa della blood-brain barrier, una barriera di sangue naturale, ma inibisce anche la produzione di ossitocina naturale. Probabilmente non è un caso che diversi parti indotti con la somministrazione di ossitocina, dopo diverse ore di travaglio (quella sintetica è meno efficace di quella naturale per la stimolazione delle contrazioni uterine), si concludono con un cesareo d’urgenza.

Vi sono inoltre diversi dubbi sull’effetto che l’ossitocina sintetica avrebbe sui feti e gli studi, al momento, sono ancora troppo pochi.

Possibili conseguenze dell’ossitocina sintetica sul feto

Si pensa che, al contrario degli adulti, la corteccia cerebrale del feto sia più facilmente permeabile e che quindi l’ossitocina possa raggiungerlo. Questo potrebbe influire sulla produzione di ossitocina naturale del feto nel corso della sua vita e, secondo alcune teorie, ne influenzerebbe i tratti caratteriali inibendo le relazioni sociali e sviluppando l’aggressività. Ovviamente queste sono solo teorie che per essere confermate o smentite dovranno avvalersi del supporto di diversi studi, così come la possibilità che l’ossitocina sintetica causi degli stress, come dei cortocircuiti, che potrebbero essere la causa di alcune malattie oggi molto più frequenti rispetto agli anni passati come l’autismo, ma su questo c’è ancora molto da studiare per poter affermare tale correlazione di eventi.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Travaglio e parto

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *