Le tecniche per avviare il parto, tra mito e realtà

Scritto da
tecniche per avviare il parto

Chi ha partorito almeno una volta se le ricorda bene quelle, lunghe, interminabili, settimane prima del parto: un susseguirsi di giorni tutti uguali in cui si teme e si spera in egual misura che là sotto qualcosa si muova, che quell’esserino che ci siamo portate in grembo per nove, lunghi, mesi si decida finalmente ad uscire dal caldo bozzolo del nostro pancione!

Ed è proprio quell’ansia, quella trepidazione, che, da secoli, spinge le donne a cercare qualche rimedio per accelerare quel processo naturale che è il parto.

Tecniche per avviare il parto: vero o falso?

Salvo aspettare le canoniche 41 + per tentare l’induzione, se proprio il travaglio non si decidesse a partire, ecco un elenco dei più comuni rimedi della nonna per avviare il parto. Saranno davvero utili? Scopriamolo assieme!

Vediamo quante ne indovinate!

Salire e scendere per le scale o lavare i pavimenti

FALSO.

Insomma, compiere degli sforzi. Secondo una credenza popolare molto diffusa, queste due attività consentirebbero di stimolare il parto. Se state salendo e scendendo furiosamente le scale di casa nella speranza di far partire il travaglio, fatevi un favore: sedetevi sul divano a leggere un buon libro, cucinate un dolce, andate a fare shopping o passeggiate un po’. Affaticarsi in quel modo serve a ben poco, se non a consumare preziose energie che vi serviranno quando il vostro bimbo sarà finalmente tra le vostre braccia.

Avere rapporti sessuali

VERO.

Dateci dentro! è uno dei consigli che si sentono ripetere più spesso le mamme che attendono di partorire.

Questa “tecnica”, in effetti, è forse l’unica che abbia un qualche fondamento scientifico, perché lo sperma contiene una certa quantità di prostaglandine che, se il collo dell’utero si trova nel giusto stato di maturazione, potrebbero contribuire ad avviare il parto.

Bere olio di ricino

VERO e FALSO.

Come sapete bene, l’olio di ricino ha proprietà lassative. Anche se può accadere che i movimenti intestinali possano provocare la comparsa delle contrazioni, è comunque una possibilità piuttosto remota. Se proprio volete tentare, comunque, meglio una buona minestra fatta con tante verdure: vi risparmierete un mal di pancia inutile!

Fare un bagno caldo

FALSO.

Ma sì! Chiudete fuori tutto il mondo e immergetevi in una bella vasca d’acqua fumante: ve lo meritate! Potete sempre dire che fare un bagno caldo può aiutarvi a partorire. Sappiate, però, che non è la verità, perché l’acqua calda può farvi rilassare, ma di certo non può provocare le contrazioni.

Affidarsi alla luna piena

FALSO.

Devo confessarlo, a me questa cosa che non è vero che la luna piena favorisca il parto fa un po’ di dispiacere ma tant’è… A meno che non vogliate fare qualche rito propiziatorio, o che stiate aspettando il  momento buono per fare qualche lavoro nell’orto, aspettare la luna piena convinte che quando arriverà partorirete, è del tutto inutile.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Travaglio e parto

Commenti

  • Sesso.

    Anna Hrezdak Anna Hrezdak 29 settembre 2017 22:56 Rispondi
    • Confermo

      Raffaella Tana Raffaella Tana 30 settembre 2017 5:10 Rispondi
    • Confermo! Perché lo sperma ha prostaglandine che stimolano contrazioni, le stesse che usano per l’induzione

      Cristina Noro Cristina Noro 30 settembre 2017 10:15 Rispondi
    • Un sano rapporto sessuale ha dato il via al mio bellissimo e brevissimo travaglio✌

      Sara Marino Sara Marino 30 settembre 2017 10:32 Rispondi
  • Un dito di Olio di ricino puo definirsi rimedio della nonna? Cmq a me ha aiutato eccome! Travaglio partito nel giro di poche ore!

    Emanuela Gulisano Emanuela Gulisano 29 settembre 2017 23:49 Rispondi
    • Anch’io tutte e due le mie figlie

      Silvana Terranova Silvana Terranova 30 settembre 2017 6:58 Rispondi
    • Olio di ricino provato. Risultato: sono arrivata completamente stravolta e disidratata all’induzione. Parto difficilissimo e lunghissimo e latte che tardava ad arrivare. Chiaramente. Mai più!!

      Silvia Martella Silvia Martella 30 settembre 2017 9:36 Rispondi
  • Nicla Servedio

    Giovanna Paradiso Giovanna Paradiso 30 settembre 2017 0:00 Rispondi
  • Martina Cornagliotto

    Valentina Trombin Valentina Trombin 30 settembre 2017 0:02 Rispondi
  • Se tarda ad arrivare un motivo ci sarà. Abbiate pazienza, è meglio agire solo in caso estremo.

    Francesca Rocco Sansalone Francesca Rocco Sansalone 30 settembre 2017 0:28 Rispondi
  • Basta muoversi regolarmente, passeggiatine niente di che, io mi sono fatta ore fra autobus, treni e tram, lavorato fino all’ottavo mese per avere qualche soldino, col secondo ancora peggio, fra pulire casa giorno e notte e farmi 4 piani di scale tre volte al giorno in piena estate mamma che sudate~

    Dada Tomasto Dada Tomasto 30 settembre 2017 1:54 Rispondi
  • Giulia Tarchiani

    La Micky La Micky 30 settembre 2017 10:49 Rispondi
  • Salire le scale e veramente efficace

    Maria Rosaria Granatella Maria Rosaria Granatella 30 settembre 2017 14:55 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *