Il piccolo Leopold vede la mamma per la prima volta

Scritto da
Leopold bambino ipovedente vede la mamma per la prima volta

Un video questi giorni sta suscitando grandissima commozione sul web, ma niente di drammatico, anzi, quelle che scendono calde, corpose, sono lacrime di felicità. Del resto come non commuoversi davanti al sorriso di un bambino? Un momento però, non stiamo parlando di un bambino qualunque, ma di un bambino di pochi mesi che per la prima volta vede la sua mamma. Leopold è un bambino di Woodinville, negli Stati Uniti, ed è affetto da una malattia genetica conosciuta come Albinismo Oculocutaneo. 

Questa patologia determina una grave assenza congenita di melanina nella pelle, nei peli, e perfino negli occhi. Tutto questo, oltre ai normali disturbi di cui soffrono i fototipi chiari, si associa ad alcune anomalie di quello che è il sistema ottico, anomalie dovute appunto all’assenza di melanina. Le persone colpite da questa malattia genetica si presentano con una pelle molto chiara, quasi bianca, se non bianca, capelli bianchi e con iride di colorazione grigio-blu, fino al verde o marrone chiaro. Per quanto riguarda l’entità delle anomalie oculari, tutto dipende dalla quantità di melanina presente nell’occhio. Tra i sintomi più frequenti una manifesta fotofobia ed errori di rifrazione, come una forte miopia e astigmatismo, come nel caso del piccolo Leo.

Infatti, il bambino non era ancora riuscito a mettere a fuoco nemmeno il viso della mamma. È particolarmente suggestivo il momento in cui vengono fatti indossare al piccolino degli occhialoni in gomma. Al principio non sembra essere un’operazione facilissima, ma il bambino non protesta, come se sapesse che da quel momento in poi tutto il suo mondo sarebbe stato più nitido. E così è. Appena il bambino guarda attraverso le grosse lenti, ha un momento come di straniamento, poi subito capisce e la sua piccola bocca si apre in un dolce, favoloso, sorriso tutto per la sua mamma.

Il video, girato dal papà, è stato postato sulla pagina Facebook dell’uomo e, com’è facile immaginare, ha avuto tantissimi like e condivisioni

Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *