Come calmare i bambini troppo nervosi?

Scritto da
come-calmare-bambini-troppo-nervosi

Ci sono bambini più nervosi di altri che, in particolari situazioni stressanti, diventano ingestibili. Si tratta di un problema che riguarda sia i neonati che i bambini nei primi anni di vita. A volte può essere la paura a causare pianti a dirotto, gridi e urla a non finire oppure altri fattori che gli adulti tendono a sottovalutare sistematicamente. È un po’ un circolo vizioso perché più il bambino si innervosisce, più aumenta lo stress dei genitori e di conseguenza il pianto dei più piccoli.

Come tranquillizzare bambini troppo nervosi

Come comportarsi per tranquillizzare in tempi assai brevi i bambini? Secondo la ricercatrice americana Cathi Propper, i bambini apprendono in maniera graduale ad affrontare lo stress nel primo anno di vita. Però, prima che comprendano come affrontare nel migliore dei modi le situazioni stressanti, è indispensabile l’aiuto della mamma e del papà. Secondo la studiosa non sono molti i principali motivi che fanno innervosire i bambini: primo su tutti lo shopping in un supermercato o in un altro luogo particolarmente affollato. I rumori continui, le luci e gli estranei presenti possono creare soprattutto nel neonato una sorta di cortocircuito sensoriale. In questi casi, per placare l’ansia, è opportuno trovare un luogo un po’ appartato e coccolare il bambino magari allattandolo se si ha la possibilità di farlo. Prima di recarvi in questi ambienti ricordatevi di portare con voi una sciarpa, un fazzoletto o un altro piccolo oggetto di tessuto impregnato dell’odore della mamma e datelo al bambino che si sentirà così costantemente rassicurato.

Una forte causa di stress per i bambini di tutte le età è sicuramente la mancanza di attenzione ricevuta delle persone care. Se ad esempio la mamma parla al telefono e non guarda ciò che il bimbo disegna o non ascolta i suoi discorsi potrebbe iniziare a piangere a dirotto. Non si tratta di un capriccio ma bensì di una richiesta disperata di affetto e attenzioni. Non è necessario smettere di telefonare ma basterà una semplice carezza, un abbraccio o un bacio e tutto tornerà alla normalità.

Tags dell'articolo:
· ·
Categorie dell'articolo:
Educazione/psicologia

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *