Bilinguismo: da che età insegnare la seconda lingua ai bambini?

Scritto da
bilinguismo-bambini-da-che-eta-insegnare-seconda-lingua

Molti genitori si chiedono a che età il proprio bambino sia pronto per l’apprendimento di una seconda lingua. In realtà la domanda è mal formulata, in quanto molti di loro partono dal presupposto sbagliato che il piccolo debba possedere determinati requisiti e abilità prima di imparare una seconda lingua.

Ma non è forse vero che si comincia a parlare loro prima ancora che sappiano leggere e scrivere? Del resto è stato dimostrato che sin da quando il bambino si trova nel grembo materno è in grado di percepire i suoni linguistici e che questa circostanza stimolerebbe il successivo sviluppo del linguaggio nei primi anni di vita. È innegabile, in altri termini, che esista un apprendimento già in fase prenatale.

Bilinguismo e bambini: sin da subito, tra la madrelingua e la seconda lingua non esiste alcuna differenza!

Così come il genitore non aspetta per rivolgersi al figlio utilizzando parole in madrelingua, allo stesso modo è possibile favorire un primo approccio con la seconda lingua (ad esempio l’inglese) sin da subito. L’importante, in tal  senso, è che il piccolo acquisisca familiarità con i suoni della lingua che gli si vuole insegnare: l’ascolto di canzoncine e filastrocche in inglese sin da quando è in pancia, ad esempio, può essere piuttosto utile. In seguito è opportuno continuare su questa linea, facendogli sentire canzoni e dialoghi nella seconda lingua, mentre svolge la sua normale attività ludica. Quando sarà più grande poi, sarà possibile fargli sfogliare dei libri illustrati per consolidare le conoscenze acquisite.

Bilinguismo: i bambini e la doppia traduzione

Diversamente da un adulto, il bambino non tenderà a effettuare la traduzione della parola da una lingua all’altra, ma attribuirà a uno stesso oggetto due suoni distinti, in maniera del tutto naturale. Certamente se i genitori del piccolo sono entrambi buoni conoscitori della seconda lingua, sarà tutto più semplice, ma, in caso contrario, è possibile ritagliarsi qualche ora della giornata per imparare tutti insieme nuove parole in un’altra lingua.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Educazione/psicologia

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *