Le 4 tappe basilari durante il primo anno di vita – 2° parte

Scritto da
tappe fondamentali primo anno neonato

Le prime due tappe fondamentali nel primo anno di vita del neonato, sono suddivise da zero a trenta giorni e da uno a tre mesi. Vediamo assieme quali sono i due step successivi e le caratteristiche che li contraddistinguono secondo lo schema redatto dagli esperti dell’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù di Roma.

Terza tappa: da 4 a 7 mesi

In questo periodo il bambino cresce di 150-180 grammi a settimana e ogni mese si allunga di due centimetri circa.

La vista oramai arriva a qualche metro e la capacità di muoversi nello spazio di giorno in giorno migliora.

A sei mesi imparerà a stare seduto senza appoggiare la schiena e inizierà ad essere un po’ più indipendente.

Dopo il compimento del sesto mese inizia lo svezzamento e probabilmente già faranno capolino i primi dentini. Se afferra tutto ciò che trova per portarlo alla bocca e sfregarlo sulle gengive, è opportuno procurargli i classici anelli da dentizione per lenire il fastidio che prova al livello delle gengive.

Sempre in questo periodo il bambino inizia a collegare le cause agli effetti come ad esempio il rumore di un oggetto che cade al suolo.

Quarta tappa: dagli 8 ai 12 mesi

L’incremento di peso rallenta e ogni settimana aumenterà fino a un massimo di 100 grammi.

Fra i nove e i dieci mesi inizierà a fare qualche passo fino poi a rimanere in posizione stabile in piedi senza aiuti esterni.

Il linguaggio poco a poco diventerà sempre più complesso e articolato: basti pensare che a dodici mesi il bambino già conosce circa 100 parole.

A partire dagli otto mesi comincia a riconoscere distintamente i volti a lui familiari da quelli degli estranei. È molto probabile che scoppi a piangere in presenza di sconosciuti o quando la mamma si allontana.

Fra l’undicesimo e il dodicesimo anno di vita i genitori dovranno sottoporre il bambino al richiamo dell’esavalente e alla vaccinazione contro il pneumococco e il meningococco del gruppo C

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Cura del bambino

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *