Il bambino sta iniziando la dentizione? I segnali per capirlo

Scritto da
dentizione segnali

Il momento della dentizione provoca inevitabilmente qualche fastidio al neonato e il vostro bambino potrebbe essere più agitato del solito. I segnali spesso di questa fase sono abbastanza chiari ed è possibile lenire il fastidio provato da vostro figlio adoperando alcuni accorgimenti.

I sintomi della comparsa dei primi dentini

La comparsa dei primi dentini è abitualmente anticipata da un’abbondante salivazione.

Questo avviene perché lo stiramento delle mucose delle gengive provoca un intenso prurito e a volte anche dolore. Inoltre le gengive appaiono arrossate e gonfie a causa dell’infiammazione che crea il dente spingendo al di sotto di esse. I bambini a causa di tutti questi fastidi sono spesso insofferenti, nervosi, irritabili e dormono molto di meno del solito. A partire dai sette o dagli otto mesi d’età, il bambino porterà automaticamente tutto quello che troverà in giro alla bocca per sfregarselo proprio sulle gengive nell’intento di far placare il fastidio che prova.

Come lenire i sintomi della dentizione

Per aiutarlo ad alleviare sia il prurito che il dolore provato, massaggiategli le gengive adoperando le dita ben pulite. In commercio vengono venduti appositi anelli o giocattoli in gomma morbida ma resi ruvidi da sporgenze apposite e riempiti di liquido refrigerante. Teneteli sempre in frigorifero e appena notate che il suo fastidio aumenta dateglieli in mano: sicuramente li porterà subito alla bocca.

L’effetto del freddo sulle mucose della bocca un poco attenuerà il fastidio avendo non solo un’azione rinfrescante ma anche leggermente anestetica.

Presso tutte le farmacie è inoltre reperire specifiche creme caratterizzate da una leggera azione anestetizzante che rendono un po’ più insensibile la zona. Applicate la crema in piccole quantità sopra le gengive prima di mettere a letto il bambino. In questo modo riuscirà a dormire più serenamente e a lungo non provando un fastidio molto intenso causato dalla dentizione. 

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Disturbi

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *