Plagiocefalia del neonato: cause e trattamento osteopatico

Scritto da
plagiocefalia
info@maternita.it'

Tra le varie forme di dimorfismo tipiche dei bambini rientra la plagiocefalia, una deformazione del cranio che si manifesta durante i primi mesi di vita del neonato. Peso e posizione della testa influiscono sulle ossa craniche ancora troppo morbide e facilmente plasmabili. Scopriamo qualcosa in più sulle principali cause di questa malformazione tanto comune quanto evitabile.

Le cause della plagiocefalia

Tra le principali cause prenatali della plagiocefalia rientrano, oltre al parto prematuro, le forze compressive intrauterine che limitano gli spostamenti del feto costringendolo nella stessa posizione per un lungo periodo. La malleabilità delle ossa del cranio unita alla posizione del capo e del collo mantenuta per un periodo di tempo prolungato può infatti essere causa di una deformazione cranica e di uno squilibrio dei muscoli del collo. Queste due condizioni potrebbero addirittura peggiorare dopo la nascita per via della comune abitudine dei neonati di prediligere la posizione assunta per tanto tempo all’interno dell’utero.

Per quanto riguarda invece le cause di plagiocefalia che insorgono durante il parto non possiamo ignorare le forze extrauterine compressive dovute prevalentemente a un parto traumatico che, in quanto tale, necessita di alcuni strumenti ostetrici, come la ventosa e il forcipe, utilizzati per afferrare ed estrarre il feto nei parti più difficili.

Plagiocefalia e osteopatia

Una volta diagnosticata, la plagiocefalia viene di solito trattata con gli esercizi, la fisioterapia e, nei casi più gravi, con l’ausilio delle protesi. Per quanto riguarda la diagnosi un valido aiuto arriva dall’osteopatia. Secondo uno studio eseguito su 649 bambini pare infatti che un esame osteopatico neonatale approfondito possa aiutare a identificare i bimbi predisposti a sviluppare una plagiocefalia posteriore che, se presa per tempo, può essere migliorata con l’ausilio di alcune tecniche manuali osteopatiche, già utilizzate da anni presso l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Commenti