Parto a domicilio: mille bebè all’anno nascono in casa

Scritto da
parto-in-casa-in-italia

Partorire come una volta nel letto di casa è una scelta piuttosto rara, anche se c’è ancora chi la preferisce al parto in ospedale. Ogni anno in Italia sono circa un migliaio i bebè che nascano in casa, principalmente perché figli di genitori determinati a contrastare la medicalizzazione, talvolta eccessiva, del percorso di nascita. A dirlo è Maurizio Bonati, responsabile del Dipartimento di salute pubblica dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano, che si è interrogato insieme ai suoi ricercatori sulla sicurezza del parto a domicilio.

Il parto a domicilio è sicuro? Lo studio del Mario Negri

Lo studio del Mario Negri, che ha valutato 600 potenziali parti a domicilio assistiti dell’Associazione nazionale ostetriche parto a domicilio e casa maternità negli ultimi due anni, ha rivelato che il 74% delle donne seguite ha partorito a domicilio e che soltanto 8 donne e 11 neonati sono stati trasferiti in ospedale dopo il parto perché avevano bisogno di cure. Ma non è finita qui: dallo studio è infatti emerso che oltre la metà dei neonati ha potuto usufruire del contatto prolungato della placenta, cosa che invece in ospedale non avviene in quanto il cordone ombelicale viene reciso quasi subito.

Parto in casa: sicuro con le adeguate precauzioni

Insomma, se eseguito da personale qualificato che segue la gestante fin dalle prime fasi della gravidanza e che garantisce l’assistenza al travaglio e al parto fisiologico in accordo con le linee guida nazionali e internazionali, il parto in casa è assolutamente sicuro. Tuttavia la scelta deve essere ben ponderata, poiché in caso di complicazioni, difficili da prevedere prima del travaglio, bisognerà correre in ospedale.

Categorie dell'articolo:
Travaglio e parto

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *