Neonati, il Natale in famiglia: ecco alcuni trucchi per “proteggerli” dai parenti

Scritto da
neonati-il-natale-in-famiglia-ecco-alcuni-trucchi-per-proteggerli-dai-parenti
info@maternita.it'

Il primo Natale in famiglia col neonato è una vera e propria “prova” che il piccolo deve sostenere, tra l’invadenza dei parenti e accorgimenti relativi all’igiene che spesso si trascurano: ecco alcuni consigli per i genitori.

Il primo Natale dei neonati

Coloro che diventano genitori per la prima volta attendono con ansia il Natale, momento di festa in cui si gode ancora di più della presenza di un bambino in casa: tuttavia, per i neonati può rappresentare anche un momento di stress e di continue sollecitazioni. Per questo motivo, è bene che le mamme e i papà adottino delle piccole strategie contro quella che a volte è l’inconsapeveole invadenza di parenti e amici che vedono per la prima volta il bimbo, senza timore di essere rigidi.

Infatti, basti pensare alla classica situazione in cui il piccolo viene baciato sul viso o sulle manine: niente di più sbagliato, come ricordano alcuni recenti casi di cronaca (la neonata contagiata dall’herpes) o il fatto che i bimbi tendano a mettere subito poi le dita in bocca nella fase della dentizione. I genitori dovrebbero ricordare a tutti che il neonato è molto più soggetto a contrarre infezioni e malattie.

Alcuni consigli utili

In questi casi, ad ogni modo, per evitare spiacevoli inconvenienti è bene avere con sé delle salviettine umidificate o dell’amuchina per pulire tempestivamente le mani del piccolo. Un’altra situazione frequente è quella in cui il bimbo viene continuamente sollevato dalla propria carrozzina mentre sonnecchia e preso in braccio da persone diverse: bisognerebbe però ricordare, con gentilezza, che non è un giocattolo e che la sua serenità e l’igiene sono più importanti del broncio del parente di turno che voleva coccolarlo.

Una buona strategia è quella di non dover richiamare i parenti ma spiegare prima, con le buone maniere, i motivi per cui il neonato ha bisogno di tranquillità di non passare di mano in mano. Infine, un’altra strategia utile è quella di declinare con cortesia tutti i consigli che verranno forniti su come svezzarlo o accudirlo: infatti la regola aurea in questo caso è di contrapporre con nonchalance quelle che sono le raccomandazioni ricevute dal pediatra in modo da far capire l’antifona all’improvvisato puericultore.

Condividi il post:
Tags dell'articolo:
· ·
Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.