Immagini della quarantena: le foto più dolci che arrivano dal mondo

Scritto da
immagini-della-quarantena-le-foto-piu-dolci-che-arrivano-dagli-states
info@maternita.it'


In questo momento così delicati, i Governi di quasi tutto il mondo stanno promuovendo l’autoisolamento e l’allontanamento sociale, se non vere e proprie misure di lockdown come sta accadendo nel nostro Paese.

Una situazione non certo facile, che vede tante famiglie separate, con nonni che non possono conoscere i nuovi nipotini o anche genitori che sono costretti a stare lontani dai proprio figli per garantirgli maggiore sicurezza.

In America come in Scozia, dove le misure restrittive non sono rigide come da noi, le persone stanno cercando soluzioni per ovviare al problema in sicurezza.

Attraverso le finestre, le persone di tutto il mondo stanno condividendo foto di come interagiscono con i loro cari, tutto per proteggere se stessi e gli altri durante questo periodo difficile. 

“Tre generazioni insieme: mio padre incontra suo nipote per la prima volta”

La piccola Mila, malata di leucemia, saluta dal vetro il suo papà: per proteggerla, ha scelto di passare questi giorni di isolamento lontano da lei

La piccola Ollie incontra i suoi nonni per la prima volta

Questa nonnina compie 100 anni ma nella casa di cura le visite sono sospese: ecco allora che in nipotini la festeggiano dall’esterno

Il piccolo Zeke saluta il papà dalla finestra. Il padre, il dottor Jared Burks, è infatti separato dalla famiglia a causa del suo lavoro in ospedale.

“Quando mio nonno scoprì che la sua casa di riposo non avrebbe più permesso visite, disse a mia madre che era sconvolto e che non avrebbe potuto vedere i suoi pronipoti. L’abbiamo fatto accadere”

Il piccolo Colt è andato a trovare Nana nella casa di cura. Visto che non era possibile entrare, hanno chiamato la donna al telefono e l’hanno saluta fuori dalla finestra.

fonte immagini: BoredPanda

Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Notizie dal mondo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *