Gravidanza: in aumento le donne incinte licenziate

Scritto da
gravidanza-aumenta-il-numero-di-donne-incinte-licenziate

Gran Bretagna: aumenta il numero delle donne incinte licenziate

In tutta la Gran Bretagna è in esponenziale aumento il licenziamento delle lavoratrici incinte che vengono sistematicamente allontanate sia dalle aziende pubbliche che private o prima di dare alla luce il proprio bambino o subito dopo. Negli ultimi dieci anni i licenziamenti di questo tipo sono addirittura raddoppiati e sembra che il fenomeno sia sempre più frequente, in continuo aumento e che riguardi tutti i settori dell’impiego: dalle piccole alle grandi aziende, dal settore privato a quello statale.

L’appello a Theresa May: più tutela sul lavoro per le donne incinte

I pretesti trovati dalle aziende per lasciare le neomamme a casa sono innumerevoli ma spesso infondati.

Questa vera e propria discriminazione è emersa da  un approfondito rapporto effettuato dalla commissione parlamentare sulle donne e la parità. Al governo di Theresa May è stato chiesto di prendere urgenti provvedimenti in merito a questa spinosa questione per tutelare le mamme lavoratrici.

In questo rapporto è stato messo nero su bianco che dal 2005 fino a oggi, le donne letteralmente costrette a lasciare il lavoro in concomitanza con la richiesta del permesso di maternità siano raddoppiate. Si conteggia che il fenomeno interessi perlomeno 54.000 persone e certamente non è una cifra trascurabile.

Maternità: il confronto fra Gran Bretagna e Germania

Il rapporto suggerisce al governo di adottare misure uguali o perlomeno simili a quelle previste dalle normative attualmente in vigore in Germania. Nel paese governato dalla Merkel durante la gravidanza e nei quattro mesi dopo il parto il contratto di lavoro non può essere sciolto salvo rarissimi casi che debbono avere alle spalle motivazioni specifiche e ben documentate. Inoltre le neomamme non possono essere inserite nelle nuove liste dei lavoratori in esubero. Insomma, la Gran Bretagna che vanta una lunga storia alle spalle e uguali diritti per tutti, sembra abbia invece un disperato bisogno di tutelare sia le donne in gravidanza che le neomamme.

Categorie dell'articolo:
Gravidanza · Mamme e lavoro

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *