I Gruppi WhatsApp dei Genitori: il male del mondo?

Scritto da
i-gruppi-whatsapp-dei-genitori-il-male-del-mondo

Sulle chat di classe si può dire il peggio del peggio. Io, lo ammetto, sono stata contraria dal principio, sino a quando mi ci sono trovata, pochi giorni dopo l’inserimento di mia figlia alla scuola materna.

Eppure, lo confesso, c’è del buono.

Le chat di classe: questo infernale girone dantesco che ci vede tutte mamme cattive, inferocite contro gli insegnanti, tutte bulle dei figli degli altri, autrici indefesse di messaggi inutili, sterili, lunghi, a raffica, come se nessuna avesse null’altro da fare.

Le chat di classe – e te pareva- sono il nuovo luogo in cui ci dipingono, in quanto mamme, come persone piene di difetti: in soldoni, non abbiamo nulla da fare se non chattare, appunto, scambiarci emerite minchiate, offendendo, se possibile, professori e alunni problematici.

Ora, vi dico come la vedo io.

Le chat di classe, come ogni cosa al mondo, sono strumenti che, a seconda di chi li usa, raggiungono in modo efficace ed efficiente il proprio fine (snellimento degli avvisi, comunicazioni urgenti, introduzioni di rapporti fra genitori) o portare al cazzeggio più o meno brutale. Facebook docet.

Se fosse dipeso da me, avrei scelto un altro tipo di comunicazione: un bel giro di mail e via. Uno strumento più formale, che limita interventi superflui e, in genere, tiene più alto il livello di educazione e garbo. Anche perché dovremmo sceglierei noi, liberamente, a chi dare il nostro numero personale di telefono, o sbaglio?

Premesso questo, per ora, da quando sono nella chat, non mi sono mai trovata male. Mai sopraffatta da centinaia di messaggi o immagini, le comunicazioni sono sempre state essenziali, educate. L’ho silenziata, ad ogni modo, e la guardo a fine giornate. Non è mai stata intasata, mai sgarbata.

È una chat educata e funzionale, probabilmente, perché sono coinvolte mamme educate che badano al sodo. Questo lo apprezzo e mi fa vedere il buono della chat di classe.

Il video della settimana

Esiste, allora, quell’altro genere di whatsapp? Quel posto in cui si bullizza come conditio sine qua non?

Non ho dubbi e ne ho paura. Prima o poi potrei finirci dentro anche io. E, in quel caso, la fuga forse è d’obbligo.

Nel frattempo, sperando in un destino migliore, io direi che un problema attuale c’è (anche nelle chat migliori):

Le chat sono, quasi sempre, delle mamme. Eppure sono chat di classe, l’oggetto è la scuola, non la questione femminile.

Ecco, la presenza dei papà langue, perché?
La scuola è un affare di tutti. E questo è un piccolo segnale da cui appare la solita questione di compiti iniquamente distribuiti.

E da voi come sono le chat?


174
http://statodigraziaachi.com/

L’autrice in parole telegrafiche: Donna, stop. Annata 1977, stop. Razza Caucasica, come direbbero in un poliziesco americano, stop. Status pro-tempore Pugliese prestata alla Regione Lombardia, stop.

Tags dell'articolo:
· ·
Categorie dell'articolo:
Mamme Blogger

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.