Quando il bambino deve passare da due sonnellini a uno?

Scritto da
bambino da due sonnellini a uno

I bambini hanno bisogno di attenersi a una routine quotidiana per riuscire a riposare bene e di conseguenza per essere più sereni durante tutta la giornata. Quelli molto piccoli di solito fanno un sonnellino durante la mattinata e uno nel pomeriggio. Qual è l’età giusta per passare da due sonnellini a uno, arrivando svegli fino al primo pomeriggio?

Passaggio graduale da due sonnellini a uno

Solitamente i bambini smettono di dormire a metà mattinata fra i 15 e i 21 mesi d’età per riposare esclusivamente durante le prime ore del pomeriggio. Questo è quanto conferma anche il pediatra Madhavi Kapoor che lavora presso l’Hassenfeld Children’s Hosptal di New York. Si tratta di un passaggio graduale del tutto naturale che non deve destare alcuna preoccupazione. I primi tempi che il bambino non dormirà più al mattino, alcune volte avrà il desiderio di coricarsi di nuovo prima di mezzogiorno, mentre altre volte preferirà di gran lunga dormire solo nel pomeriggio. Non c’è bisogno di forzare i suoi ritmi veglia-sonno: dormirà se avrà voglia oppure resterà sveglio  un po’ più a lungo del solito. L’importante è che si riposi almeno una volta durante l’arco della giornata altrimenti arriverebbe alla nanna serale molto stanco, nervoso e stressato.

La fine dei sonnellini pomeridiani

Dal compimento del terzo anno d’età in poi è probabile che vostro figlio non ne voglia più sapere nemmeno di dormire durante il pomeriggio.

Con l’inizio della scuola materna cambia completamente il suo modo di affrontare la giornata. Magari ci saranno giornate particolarmente impegnative che lo faranno arrivare all’ora della merenda molto stanco e avrà bisogno di riposarsi mentre in altri giorni sarà molto attivo da mattina a sera senza alcuna pausa intermedia. Addirittura potrebbero iniziare ad aver voglia di cenare già alle sei del pomeriggio per poi andare a dormire. Concedetegli di tanto in tanto di assecondare questi suoi strani ritmi tenendo presente che ancora è molto piccolo e ha bisogno di rilassarsi quando è a casa.

Categorie dell'articolo:
Nanna

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *