Vaccino contro il morbillo: il futuro è in un cerotto

Scritto da
cerotto-vaccino-contro-il-morbillo

Messi in soffitta aghi e siringhe, la nuova strada della vaccinazione passa da un cerotto e promette di essere rapida, semplice, indolore: vanno in questa direzione gli esperimenti che gli scienziati del Georgia Institute of Technology e dei Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta stanno mettendo a punto una nuova terapia contro il morbillo.

Vaccino contro il morbillo: dall’America arriva un cerotto

Questo particolare cerotto è un quadratino grande appena un centimetro e rilascia il vaccino attraverso 100 microaghi (lunghi neppure un millimetro) che penetrano negli strati più superficiali della pelle, dissolvendosi al contatto. Per applicarlo non serve essere infermieri esperti, basta una semplice pressione delle dita per farlo aderire all’epidermide. E una volta che il medicamento è stato assorbito (occorrono pochi minuti) il cerotto può essere rimosso e buttato via.

La praticità di questo metodo di vaccinazione è evidente, dal momento che non è necessario avere aghi, ovatta e siringhe sterili, tutte cose che andrebbero poi smaltite e che in alcuni paesi particolarmente poveri e dalle condizioni igienico-sanitarie precarie è difficile procurarsi. Inoltre, il cerotto-vaccino è più facile da conservare rispetto ai vaccini classici, perché occupa meno spazio ed è più resistente agli sbalzi di temperatura.

Nuovo vaccino contro il morbillo: semplificare i trattamenti sanitari in zone a rischio

L’obiettivo di questo nuovo farmaco non è tanto quello di rendere meno dolorosa la vaccinazione evitando la puntura, quanto quello di semplificare i trattamenti sanitari in zone a rischio.

Ma quanto costerà questo vaccino del futuro? Probabilmente più o meno quanto i vaccini tradizionali. Per ora, però, prima di trovarlo in farmacia bisognerà aspettare un po’: la sperimentazione sull’uomo comincerà non prima del 2017. E se dovesse andare bene chissà che da quello per il morbillo non si passi al cerotto-vaccino contro rosolia, tubercolosi e influenza.

 

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *