Papà, Papi y Yo: la favola sulla maternità surrogata

Scritto da

Tutto ciò che devia dal corso naturale delle cose spaventa, innesca polemiche, crea diffidenza. Non fa eccezione la cosiddetta maternità surrogata, ovvero la gestazione affidata a una donna al di fuori della coppia che mette a disposizione il proprio utero per portare avanti la gravidanza. Papà, Papi y Yo: più che i discorsi complessi e talora intrisi di retorica  e di tecnicismi incomprensibili, potrebbe essere una fiaba moderna a farci capire il senso più profondo di questa pratica. A scriverla sono stati due neo-papà omosessuali che hanno vissuto in prima persona questa emozionante esperienza.

Papá, Papi y Yo è la favola moderna per bambini sulla maternità surrogata. Naturalmente questo tenero racconto è dedicato non solo ai più piccini, ma anche a tutti coloro che desiderano comprendere cosa sia davvero la maternità surrogata, assumendo, con questa lettura, un punto di vista “interno”. Il testo, infatti, è stato scritto a 4 mani da una coppia omosessuale italo-spagnola, con l’intento di trasmettere ai lettori tutto l’amore che sta dietro all’evento nascita, anche quando gli attori coinvolti non sono assolutamente “tradizionali”. Luis e Daniel, che si sono sposati tre anni fa a Valencia, infatti, hanno deciso di mettere nero su bianco la propria esperienza di paternità al fine di contribuire “allo sviluppo etico e morale della società”. I due, che hanno avuto già una figlia tramite la tecnica della gestazione d’appoggio, oggi sono in attesa del secondogenito dalla medesima “madre in affitto”.

Papá, Papi y Yo: una fiaba a lieto fine

Papá, Papi y Yo narra la storia di Ornella, una splendida bimba nata grazie a un “utero in affitto” e all’intenso amore dei suoi due papà, che hanno desiderato fortemente rendere completo il proprio nucleo familiare con l’arrivo di un erede. Si tratta, in altri termini, di una fiaba moderna a lieto fine che vuole farci comprendere che non esistono regole né confini per l’amore e che la genitorialità può avere infinite declinazioni, senza per questo motivo perdere di valore.

Condividi il post:

Tags dell'articolo:
· ·
Categorie dell'articolo:
Libri

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *