Metodo Montessori: 5 consigli per fare la nanna

Scritto da
fare la nanna metodo Montessori

Prima di parlare di come fare la nanna con il metodo Montessori spieghiamo in sintesi questo sistema educativo praticato in circa 20 mila scuole del mondo, che educa i bambini fino dalla loro nascita.

Il metodo Montessori sviluppa le sua basi sul concetto di indipendenza, e come leggiamo su Wikipedia “sulla libertà di scelta del proprio percorso educativo (entro limiti codificati) e sul rispetto per il naturale sviluppo fisico, psicologico e sociale del bambino.”

fare-la-nanna-con-il-metodo-montessori_01

Fare la nanna con il Metodo Montessori

Il Metodo Montessori per la nanna, quindi, implica un’educazione dolce, che accompagna il bambino verso la serenità del sonno con un ritmo naturale e personale, che risponde prima di tutto alle sue esigenze di individuo.

Questa premessa nasce dall’esigenza dei genitori di far dormire il proprio figlio per tutta la notte già da quando è neonato. È un’esigenza tanto giustificata quanto comune, poiché i problemi del sonno coinvolgono la maggior parte delle famiglie con un bambino piccolo. Il Metodo Montessori, però, spiega quanto sia importante la naturalezza in cui non conta soltanto la ricerca assoluta del sonno. Il momento della nanna è un percorso delicato da affrontare giorno dopo giorno senza forzature, per crescere insieme al proprio bambino, senza fossilizzarsi su rigidità o luoghi comuni. Non è vero, infatti, che il pianto da sonno  è soltanto un capriccio.

fare-la-nanna-con-il-metodo-montessori_02

5 consigli per fare la nanna con il Metodo Montessori

1. Gentilezza e fermezza insieme

Utilizzare la gentilezza mantenendo comunque delle regole “ferree” aiuta il bambino a concepire il sonno come un rituale positivo. Per questo è bene dare al bambino dei ritmi scanditi che gli comunichino stabilità utilizzando la dolcezza e la comprensione. Allo stesso tempo bisogna far capire con un’educazione ferma che è arrivato il momento della nanna. In che modo? Creando una situazione di relax senza giochi o stimoli e standogli vicino per aiutarlo a trovare il naturale riposo.

2. Via libera agli spazi

Il metodo Montessori per dormire parla chiaro: bisogna puntare alla libertà, che si esprime anche nella camera del bambino. È importante personalizzare gli spazi della cameretta in modo tale che non la viva soltanto come un appuntamento per la nanna, ma anche e soprattutto come un ambiente tutto suo, in cui si identifica. Una buona idea è quella di dipingere le pareti e di arredare la stanza con elementi di design che lo facciano entrare in un terreno magico, in cui il bambino avverte il benessere e la serenità.

fare-la-nanna-con-il-metodo-montessori_03

3. La creazione dei riti

Quale miglior rito prima di dormire se non quello della favola della buonanotte? Il bambino va tenuto per mano nel momento delicato del sonno. Per questo è importante creare dei riti quotidiani con la lettura di una fiaba, il relax attraverso canzoncine e musiche rilassanti oppure anche con delle filastrocche e canzoni intonate dai genitori. Il rituale riguarda anche gli orari: scanditi e sempre uguali, di giorno in giorno, aiuteranno il bambino a dormire meglio.

4. Assecondare le sue esigenze notturne

Se il bambino si sveglia durante la notte sta cercando un contatto. Una coccola, un abbraccio, una carezza calmeranno la sua solitudine e lo aiuteranno a ritrovare la serenità per dormire. Ricevere un conforto è un alleato per aiutare il bambino ad accrescere la sua serenità interiore. Altra cosa da fare è farlo dormire nella stanza dei genitori fino al primo anno d’età per assecondare i ritmi di mamma-bambino e facilitare le sue esigenze notturne.

fare-la-nanna-con-il-metodo-montessori_04

5. Dare importanza al lettino

La libertà di espressione del bambino dipende anche dal lettino in cui dorme. Il metodo Montessori per la nanna sostiene che va scelto un lettino senza sbarre per permettere al bimbo di sentirsi libero. Il lettino, inoltre, non è un luogo solo per dormire ma un momento per avere delle coccole dalla mamma, per giocare insieme ai peluche o ascoltare musichette rilassanti.

Insomma … fare la nanna con il metodo Montessori significa dare attenzioni d’amore ricordando quanto sia fondamentale per il bambino la sua libertà di esprimersi in autonomia e indipendenza. 

Condividi il post:
Categorie dell'articolo:
Guide e Tutorial · Nanna

Commenti

  • Matti Neto

    Giorgia Josh Biasiolo Giorgia Josh Biasiolo 21 novembre 2016 14:13 Rispondi
  • Il mio cucciolo ha 16mesi e di dormire nella culla nn ne vuole sapere dorme abbracciato a me ke fare??:

    Marylena Sole Marylena Sole 21 novembre 2016 14:14 Rispondi
  • Non mi ricordo dove ho letto ciò che sto per scrivere ma davvero ho da subito pensato fosse la verità: non sono i genitori con le loro regole a fare i figli bravi già in tenera età. Bensì sono i figli che nascono con delle predisposizioni già ben dettagliate al quale un genitore deve plasmare la sua vita e in comunione modificare fino a trovare il giusto compromesso.
    Mia figlia dorme nella sua culletta si sveglia una o due volte per notte ….ma non penso di essere così brava da me se non lei ad essere amante del sonno notturno.

    Mara Fragala Mara Fragala 21 novembre 2016 14:18 Rispondi
    • Concordo in pieno!

      Graziana Falcone Graziana Falcone 21 novembre 2016 15:25 Rispondi
    • Anche noi … abbiamo lasciato che si assestasse e poi magicamente dal 13 mese ha iniziato a non svegliarsi più la notte. Noi non abbiamo fatto praticamente niente, se non coccolarlo ogni volta che si svegliava (ogni tre ore o anche di meno). Ora ha 17 mesi e dorme tutta la notte. <3

      Eleonora Usai Eleonora Usai 21 novembre 2016 15:30 Rispondi
    • Sono dei cuccioli così preziosi che spesso la stanchezza ci fa pretendere da loro ciò che invece dovremmo dare noi ❤

      Mara Fragala Mara Fragala 21 novembre 2016 15:37 Rispondi
    • Anche io sono stata fortunata ha 3 mesi, ha sempre dormito nella sua culla ed è da quando ha 1 mese che dorme tutta la notte senza mai svegliarsi!

      Martina Corrà Martina Corrà 21 novembre 2016 16:37 Rispondi
    • Anche la mia.. Dorme tutta la notte da subito.. Solo i primi giorni faceva un risveglio notturno e già mi sentivo fortunata.. È una gran dormigliona lei, qui non si tratta di bravura ma di predisposizione a dormire di notte..

      Annamaria Benetello Annamaria Benetello 22 novembre 2016 12:24 Rispondi
  • Giusy

    Evelina Battaglia Evelina Battaglia 21 novembre 2016 14:37 Rispondi
  • Annamaria Bertè

    Francesca Maggio Francesca Maggio 21 novembre 2016 15:06 Rispondi
  • Io quando erano agitati prendevo il mio maglione glielo mettevo nella culletta o il pssseggino con la musica in cuffia i bebe si addormentavano. Obviamente le cuffie le tenevo un po distanti dai bimbi. Música quella che ascoltavo in gravidanza.

    Sonya Franco Battagliesi Sonya Franco Battagliesi 21 novembre 2016 15:12 Rispondi
  • Giulia Sancesario

    Asia Ripiccini Asia Ripiccini 21 novembre 2016 15:14 Rispondi
  • I miei non dormivano un gran che però dormivano un po’ di più se li tenevo fasciati in una coperta o un lenzuolo diciamo come facevano le nostre nonne bloccando braccia e gambe… un pediatra una volta mi disse che i bimbi di svegliano quando sono molto piccoli perché hanno dei movimenti inconsulti di braccia e gambe….Io ho provato e sinceramente un po’ di più dormivano…..Certo che il sonno migliore è quello nelle braccia di mamma e papà e sinceramente dura così poco perché crescono troppo velocemente che io tornerei indietro per tenerli in braccio tutta la notte

    Sonia Granchio Sonia Granchio 21 novembre 2016 15:43 Rispondi
  • Il mio ha un mese. Dorme di cuore solo stretto in braccio..neanche il lettone lo concilia..io spesso dormo seduta con lui accucciato. Se no non dormo…

    Vitalia Mela Vitalia Mela 21 novembre 2016 15:47 Rispondi
    • La,mia ha 18giorni e dorme solo sul mio petto.dormo seduta sul divano e basta…….aiuto però…..

      Loredana Malimpensa Loredana Malimpensa 21 novembre 2016 16:17 Rispondi
    • Di pomeriggio era stanchissimo. Ha dormito nel lettone con me. Due ore… x me è un miracolo dormire due ore sdraiata…..

      Vitalia Mela Vitalia Mela 21 novembre 2016 21:32 Rispondi
  • Il mio ha tre mesi e dorme attaccato al mio seno che posso fare? Aiutatemi

    Rayka_kur@hotmail.com' Katherine 21 novembre 2016 16:01 Rispondi
  • Simona Porumbu Simona Porumbu 21 novembre 2016 16:06 Rispondi
  • fai il bagnetto prima di coricarlo

    Donatella Mirabella Donatella Mirabella 21 novembre 2016 16:14 Rispondi
  • Maria Pina Carnazza Maria Pina Carnazza 21 novembre 2016 16:14 Rispondi
  • La mia piccolina dorme otto ore di fila la notte per cui credo di essere davvero fortunata. …

    Annalisa Petta Annalisa Petta 21 novembre 2016 16:15 Rispondi
  • fate sentire la ninna nanna di Mozart .

    Anna Gerarda Violante Anna Gerarda Violante 21 novembre 2016 16:17 Rispondi
  • Il mio cucciolo da nato dorme sia nella culla che nel lettone e dorme i ore di fila mi reputo fortunata ..

    Valentina Condò Valentina Condò 21 novembre 2016 16:25 Rispondi
  • Benedetto

    Monica Vellone Monica Vellone 21 novembre 2016 16:52 Rispondi
  • Mio figlio dorme 15 ore al giorno nel suo lettino

    Lella Nicoló Messina Lella Nicoló Messina 21 novembre 2016 16:59 Rispondi
  • Ana Maria

    Florin Anamaria Florin Anamaria 21 novembre 2016 16:59 Rispondi
  • Il mio ha 17 giorni e riesce a dormire 2 o 3 ore al massimo dopo le 2 notte….

    Francesco Margherita del Gaudio Francesco Margherita del Gaudio 21 novembre 2016 17:11 Rispondi
  • La mia piccola dormiva con me…hanno bisogno del contatto. ..del calore..del seno..

    Antonella Pede Antonella Pede 21 novembre 2016 20:36 Rispondi
  • Emanuela Sassano

    Costanza Manzo Costanza Manzo 21 novembre 2016 21:51 Rispondi
  • Amore che bello le mie bambine si addormentavano con il mio calore le mettevo accanto a me nel lettone è appena si addormentavano le riportavo al lettino

    Giovanna Critelli Giovanna Critelli 22 novembre 2016 6:15 Rispondi
  • Mio figlio ha quasi quattro mesi e per due mesi me l’ha fatta passare dura non voleva chiudere occhio la notte ma ho scambiato il giorno per la notte l’unico consiglio che ti posso dare non li farei vedere tv nessuno alluce nessuna cosa che gli possa attirare la sua attenzione deve capire che notte deve dormire piuttosto perdi tempo io ti ho perso dietro una nottata al buio adondo arlo adesso è un mese che finalmente mi fa dormire a parte che si sveglia per mangiare

    Vittoria Pizzolato Vittoria Pizzolato 22 novembre 2016 12:47 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *