Le mamme italiane fra le meno felici d’Europa

Scritto da

Avere figli è sempre fonte di gioia? Essere mamme e papà ci fa sentire più felici e soddisfatti? Se per gli uomini la risposta è univoca per le mamme italiane non possiamo dire la stessa cosa, per le donne la questione è più complessa.

A indagare sulla percezione della maternità a livello psicologico da parte delle donne è uno studio inserito nel progetto “Swellfer – Benessere e fecondità”, coordinato dalla professoressa Letizia Mencarini. Il progetto ha ricevuto un finanziamento di oltre un milione di euro da parte del Consiglio europeo della ricerca e andrà avanti ancora per due anni.

Per ora, fra i dati più interessanti che ne emergono c’è quello sulla felicità, o meglio sulla non felicità, delle mamme italiane, che sarebbero fra le più tristi d’Europa. Le motivazioni di questo malessere vanno ricercate nella carenza delle politiche sociali, che nel nostro paese rendono difficile la vita alle neo mamme, ostacolando la conciliazione tra famiglia e lavoro.

Per le donne, infatti, il rapporto fra gravidanza e felicità dipende molto dal contesto sociale e – perché no – dalla realizzazione personale: stando ai dati dello studio, solo nei Paesi sviluppati, dove sono diffuse politiche a sostegno della maternità, le mamme sono davvero felici. Verrebbe da constatare, allora, che sotto questo punto di vista l’Italia non è poi così “sviluppata” (o quantomeno all’avanguardia), se è vero che le nostre mamme sono meno felici non soltanto rispetto a quelle del Nord Europa (Finlandia, Danimarca, Svezia, Islanda e Norvegia), ma anche rispetto alle madri delle più vicine Francia, Spagna, Olanda e Germania.

Per invertire il dato e migliorare il benessere delle donne la strada è una sola: intervenire a livello sociale per diminuire la disparità uomo-donna e fare in modo che la scelta della maternità non significhi rinunciare alla propria realizzazione personale e lavorativa.

Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Ho un bimbo

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *