L’anestesia epidurale è davvero invasiva?

Scritto da
Anestesia epidurale

L’anestesia epidurale o “peridurale” è una tecnica di analgesia parziale che viene effettuata da un medico anestesista al fine di ridurre in maniera significativa i dolori del parto; per alcuni si tratta di una vera e propria conquista per le donne, per altri, al contrario, è da considerarsi una pratica invasiva in grado di condizionare, rallentandolo, l’andamento fisiologico del parto. Proprio per questo motivo per molte gestanti la scelta di aderire o meno all’epidurale si trasforma in un vero e proprio dilemma.

Contro l’anestesia epidurale

Alcuni medici ritengono che l’epidurale sia una terapia farmacologica invasiva, assimilabile a una delle tante nefaste manifestazioni del progressivo fenomeno di medicalizzazione dell’evento nascita. Addirittura una parte di essi, più che per le controindicazioni in sé, ripudiano questo tipo di analgesia per motivi di natura religiosa: come si legge nel Vecchio Testamento, infatti, la donna è destinata a partorire con dolore. Ancora oggi, dunque, si ritiene che una buona madre, per essere considerata tale, debba soffrire.

D’altra parte esistono anche delle ragioni di natura economica che scoraggiano la pratica dell’epidurale: le Regioni, infatti, non rimborsano questo tipo di anestesia, ma è il nosocomio a doversi far carico delle spese.

A favore dell’epidurale

Per altri l’anestesia epidurale è da intendersi come il diritto di ciascuna donna a non dovere più partorire con dolore. Il mix di farmaci iniettato, infatti, elimina i dolori del travaglio, senza tuttavia inibire la forza muscolare. Va detto, d’altra parte, che essa non comporta effetti collaterali di sorta per il nascituro.

Questa pratica, che era già conosciuta durante la seconda guerra mondiale, a livello internazionale rappresenta una prassi consolidata, mentre in Italia viene ancora guardata con estremo sospetto.

Una cosa è certa : ciascuna donna deve essere libera di decidere come gestire il proprio parto, mentre l’equipe sanitaria, dal suo canto, dovrebbe limitarsi ad assisterla e a supportarla senza interferire con le sue personalissime scelte.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Travaglio e parto

Commenti

  • X me è stata tremenda

    Enza Calari Enza Calari 9 marzo 2016 11:33 Rispondi
    • Ci dispiace davvero Enza, e speriamo in futuro non capiti a nessuna neo mamma 🙂

      maternita.it maternita.it 9 marzo 2016 12:10 Rispondi
  • Io fatta…na favola!)

    Silvia De Silvestri Silvia De Silvestri 9 marzo 2016 11:47 Rispondi
  • Per me è stata un gran sollievo .. Non ne potevo più ero sfinita !

    Federica Grossi Federica Grossi 9 marzo 2016 12:07 Rispondi
    • In effetti in molte situazioni come questa, è davvero di grande aiuto ^_^ grazie Federica!

      maternita.it maternita.it 9 marzo 2016 12:16 Rispondi
  • Una favola

    Sara Paolo Lele Sara Paolo Lele 9 marzo 2016 12:11 Rispondi
  • Primo parto con epidurale, secondo senza. Non la consiglierei perché si sentono meno le contrazioni e le spinte sono meno efficaci spingendo gli operatori ad “aiutarti” non sempre con risultati ottimali.

    Lucia Somma Lucia Somma 9 marzo 2016 12:14 Rispondi
  • Siamo molto contenti che sia andato alla grande Irina 😀

    maternita.it maternita.it 9 marzo 2016 12:15 Rispondi
  • Io l’ho fatta in entrambi i parti,nel primo fantastica un parto stupendo mentre nel secondo non ha fatto nessun effetto..

    Karen Pippo Karen Pippo 9 marzo 2016 12:25 Rispondi
    • Questo è interessante, Karen: quindi potrebbe avere effetti diversi… ci dispiace, comunque, che nel secondo non abbia funzionato! 🙁

      maternita.it maternita.it 9 marzo 2016 12:26 Rispondi
    • Nel primo parto l’anestetico me lo hanno inserito lentamente poco alla volta per cui l’effetto è stato duraturo e ha solo alleviato fino alla fine i dolori,mentre nel secondo me l’hanno iniettata tutta insieme e mi ha totalmente addormentata e stordita tanto che non avevo più le contrazioni e appena è finito l’effetto stavo malissimo e i dolori erano insopportabili..praticamente ha solo allungato i tempi!!

      Karen Pippo Karen Pippo 9 marzo 2016 12:31 Rispondi
  • Me la sono fatta fare perché dopo già diverse ore di travaglio l’ostetrico mi ha detto che mancava ancora abbastanza al parto… e aveva ragione!!! Peccato che l’anestesista di turno quella notte avesse troppo sonno per lavorare!! Il cateterino era difettoso e quindi l’anestesia è andata tutta fuori!! Quindi a me non ha fatto ,ovviamente ,nessuno effetto!! Per non parlare dei modi sgarbati che aveva e di quanto tempo ci ha messo per farmela!!

    Manuela Fiorin Manuela Fiorin 9 marzo 2016 12:44 Rispondi
    • Cara Manuela, ci dispiace infinitamente per questa brutta esperienza. Speriamo davvero non succeda in futuro ad altre neo mamme 🙂

      maternita.it maternita.it 9 marzo 2016 12:46 Rispondi
    • Purtroppo al mondo esistono persone che non sanno fare il proprio lavoro con un pò di umiltà!!! Anche io lavoro nella sanità e so benissimo che cosa vuol dire lavorare di notte!!! Si è stanchi ma non sono mai partita da casa con l’idea di dormire o di trattare male chi ne ha bisogno!!

      Manuela Fiorin Manuela Fiorin 9 marzo 2016 12:48 Rispondi
    • Assolutamente, cortesia e dolcezza, in un momento così delicato per le future mamme, sono valori fondamentali.

      maternita.it maternita.it 9 marzo 2016 12:50 Rispondi
  • Io lo fatta x il primo parto. Ma x il secondo nn ci penso proprio. Xh mi hanno meso e tolto x 3 VOLTE il tubicino quindi mi hanno bucata x 3VOLTE nella schiena. Senza risultato x poi partorire senza anistesia. Poi come se nn bastasse pure la ciliegina sulla torta. Il ginecologo di turno mi ha messo 4 punti interni senza anistesia. Dicendomi. Non è vero che senti dolore e solo una bugia. Si come no. Peccato che quel epidurale nonostante io lo dicessi non mi aveva fatto nessun effetto… Quindi no grazie. Senza epidurale stavolta….

    Jessy Roby Alex Jessy Roby Alex 9 marzo 2016 13:05 Rispondi
    • Grazie per averlo condiviso con noi Jessy, sicuramente la tua esperienza aiuterà molte future mamme 🙂

      maternita.it maternita.it 9 marzo 2016 14:46 Rispondi
  • Secondo me è contro natura

    Debora Ferraro Debora Ferraro 9 marzo 2016 13:28 Rispondi
  • Io per essere stato il primo parto sono stata piuttosto fortunata non ho avuto bisogno di epidurale è uscito in 50 minuti però l’unica cosa è che il parto me lo hanno indotto con il gel e li devo dire che non ho avuto una bella esperienza

    Valentina Berti Valentina Berti 9 marzo 2016 14:14 Rispondi
    • Ci dispiace per questo brutto ricordo Valentina, e siamo sicuri che questa tua esperienza sarà d’aiuto a molte di noi 🙂

      maternita.it maternita.it 9 marzo 2016 14:47 Rispondi
  • io non l’ho fatta, anche perche’ mi dissero che avrei rallentato il travaglio, in 8 ore ho partorito il primo fliglio, avendo anche la possibilita’ di muovermi e andare a passeggiare nel corridoio con il sosegno di mio marito, ho avuto sopratutto dolore ai reni dolorore per me abbastanza sopportabile

    Nadia Brighenti Nadia Brighenti 9 marzo 2016 16:19 Rispondi
  • Io credo che la natura deva fare il suo corso naturale
    Certo se ci sono complucanze e diverso.

    Isabella Fontecchia Isabella Fontecchia 9 marzo 2016 17:04 Rispondi
  • Io l’ho fatta, l anestesista bravissima non mi ha fatto male, e le contrazioni le sentivo lo stesso ma non avevo dolore!! .. E la rifarei assolutamente

    Marina Apa Marina Apa 10 marzo 2016 16:09 Rispondi
  • Se possibile no, ma non si puo’ mai escludere nulla ….

    Chiara Diego Chiara Diego 10 marzo 2016 20:51 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *