L’anestesia epidurale è davvero invasiva?

Scritto da
Anestesia epidurale

L’anestesia epidurale o “peridurale” è una tecnica di analgesia parziale che viene effettuata da un medico anestesista al fine di ridurre in maniera significativa i dolori del parto; per alcuni si tratta di una vera e propria conquista per le donne, per altri, al contrario, è da considerarsi una pratica invasiva in grado di condizionare, rallentandolo, l’andamento fisiologico del parto. Proprio per questo motivo per molte gestanti la scelta di aderire o meno all’epidurale si trasforma in un vero e proprio dilemma.

Contro l’anestesia epidurale

Alcuni medici ritengono che l’epidurale sia una terapia farmacologica invasiva, assimilabile a una delle tante nefaste manifestazioni del progressivo fenomeno di medicalizzazione dell’evento nascita. Addirittura una parte di essi, più che per le controindicazioni in sé, ripudiano questo tipo di analgesia per motivi di natura religiosa: come si legge nel Vecchio Testamento, infatti, la donna è destinata a partorire con dolore. Ancora oggi, dunque, si ritiene che una buona madre, per essere considerata tale, debba soffrire.

D’altra parte esistono anche delle ragioni di natura economica che scoraggiano la pratica dell’epidurale: le Regioni, infatti, non rimborsano questo tipo di anestesia, ma è il nosocomio a doversi far carico delle spese.

A favore dell’epidurale

Per altri l’anestesia epidurale è da intendersi come il diritto di ciascuna donna a non dovere più partorire con dolore. Il mix di farmaci iniettato, infatti, elimina i dolori del travaglio, senza tuttavia inibire la forza muscolare. Va detto, d’altra parte, che essa non comporta effetti collaterali di sorta per il nascituro.

Questa pratica, che era già conosciuta durante la seconda guerra mondiale, a livello internazionale rappresenta una prassi consolidata, mentre in Italia viene ancora guardata con estremo sospetto.

Una cosa è certa : ciascuna donna deve essere libera di decidere come gestire il proprio parto, mentre l’equipe sanitaria, dal suo canto, dovrebbe limitarsi ad assisterla e a supportarla senza interferire con le sue personalissime scelte.

Categorie dell'articolo:
Travaglio e parto

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *