Consigli per dare le medicine ai bambini

Scritto da
consigli-per-dare-le-medicine-ai-bambini

Far prendere le medicine ai bambini non è certo un’impresa semplice soprattutto se, appena vedono la confezione dello sciroppo, serrano la bocca e iniziano a correre per tutta la casa.

Come dare le medicine ai bambini? Ecco alcuni consigli

Alcune preparazioni vengono vendute assieme a una pratica siringa dosatrice. Riempitela con la quantità di medicinale indicata dal pediatra e poi appoggiatela all’angolo della bocca e premete il tampone. Per i bambini un po’ più piccoli invece ci sono le apposite tettarelle con serbatoio indicate proprio per la somministrazione delle medicine liquide.

Se comunque vostro figlio risulta restio a bere tutta la medicina adoperate il metodo della ricompensa. La promessa di ricevere una delle sue caramelle preferite o un goloso cioccolatino saranno un motivo sufficientemente invitante per far deglutire anche l’antibiotico meno appetitoso.

Evitate di effettuare manovre avventate e potenzialmente pericolose come tappare il naso o chiudergli forzatamente la bocca. La violenza non è mai una soluzione, cercate piuttosto  di persuaderlo con altre metodologie decisamente più valide e meno traumatiche.

Il bimbo non vuole le medicine: provate con l’imitazione!

Con i bambini funziona molto bene il gioco dell’imitazione. Fate finta di prendere anche voi le medicine e mentre lo fate sbizzarritevi nel riprodurre espressioni buffe che lo faranno ridere. Vedendo gli effetti che quello sciroppo ha sulla mamma o sul papà, vorrà berla pure lui.

Chiedete al pediatra se il medesimo medicinale viene proposto dalla casa farmaceutica aromatizzato in maniere differenti. Talvolta uno stesso sciroppo si trova sul mercato in due o tre varianti: magari al bambino che non piace la fragola piacerà sicuramente il sapore d’arancia o di vaniglia.

Se la medicina da somministrare è un collirio appoggiate il beccuccio della confezione sopra l’angolo interno dell’occhio e spremetela delicatamente per far uscire tante gocce quante ne ha indicate il pediatra. Anche se il bambino mantiene le palpebre chiuse, parte del collirio entrerà comunque all’interno dell’occhio.

Categorie dell'articolo:
Cura del bambino · Salute del bambino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *