Come far superare un lutto ai bambini?

Scritto da
come-far-superare-un-lutto-ai-bambini

Con l’ultimo terremoto che ha colpito la Valle del Tronto e causato innumerevoli vittime fra i comuni di Accumoli, Amatrice e Arquata del Tronto, purtroppo sono tanti i bambini che hanno perso tutto: non solo gli oggetti a loro cari e le abitazioni ma anche gli affetti più cari.

In concomitanza con questo disastroso evento, il Telefono Azzurro ha deciso di fornire qualche consiglio utile per far superare in maniera graduale un lutto ai bambini. Questi suggerimenti possono essere messi in pratica ogni qualvolta un bambino debba sopportare la perdita di una persona cara.

Le regole da tenere presenti: come far superare un lutto ai bambini

Gli adulti che il bambino ha vicino devono essere sempre disponibili ad ascoltarlo. Lasciatelo che parli della persona che non c’è più ogni qualvolta riterrà opportuno farlo. Ascoltarli a volte può essere molto doloroso ma potete sempre ricordare assieme a loro anche i momenti belli vissuti assieme.

Aiutate e incoraggiate i bambini a esprimere liberamente le loro emozioni. Non è detto che vogliano farlo esclusivamente a parole: andranno benissimo anche disegni e storie. Se evitate di parlare della persona scomparsa il bambino percepirà qualcosa di sbagliato nel ricordarla.

Ciascuno ha un modo del tutto personale di soffrire e di elaborare le emozioni. Non esistono modi sbagliati e modi giusti. Rispettate le esigenze del bambino e di giudicare i suoi sentimenti.

Rassicuratelo facendogli capire che è del tutto normale sentirsi tristi, talvolta arrabbiati ma anche preoccupati di poter perdere un’altra persona cara. Talvolta può essere utile dirgli che anche gli adulti provano gli stessi sentimenti.

Non mentite mai raccontando mezze verità o inventando storie. Date informazioni corrette adoperando un linguaggio che sia comprensibile da parte del bambino. aiutate i bambini a riprendere con regolarità le loro attività quotidiane e siategli sempre vicino fisicamente per rassicurarli ogni volta che ne hanno bisogno.

Categorie dell'articolo:
Educazione/psicologia

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *