Come avere una temperatura perfetta per i bambini

Scritto da
temperatura-in-casa-bambini

Una corretta temperatura ambientale dentro casa è un fattore importantissimo per il bambino. Ma come si fa per stabilirlo? Ecco alcuni pratici consigli.

La perfetta temperatura di casa

• E’ preferibile che la temperatura di casa rimanga costante intorno ai 20°C, mentre in bagno puoi aumentarla anche di un paio di gradi. Nella cameretta di tuo figlio, invece, fai in modo che il termometro non superi i 18°C.
• Evita gli sbalzi termici perché il bambino potrebbe ammalarsi.
• Se i caloriferi rendono l’aria troppo secca, utilizza le apposite vaschette per l’acqua.
• Se, invece, la tua abitazione è eccessivamente umida, procurati un deumidificatore.
• Apri spesso le finestre per far arieggiare le stanze: quest’aspetto è essenziale ripulire la casa dagli inquinanti domestici e vivere in un ambiente salubre. Il consiglio migliore è di compiere quest’operazione tre volte al giorno: appena ti svegli, a metà giornata e un’ora prima di dormire.
• Per aiutare il tuo bambino a dormire meglio, pulisci bene il suo nasino con una soluzione specifica.
• I meccanismi di termoregolazione del neonato non sono ancora maturi e per funzionare in maniera adeguata richiedono un consumo maggiore di ossigeno, quanto più evidenti sono i cambi di temperatura e di umidità nell’ambiente.
• Fai in modo di assicurare al bebè la “termoneutralità”, ovvero la condizione di confort termico, in cui il consumo di energia è minimo e la termoregolazione dell’organismo avviene attraverso meccanismi vasomotori. Se prendiamo il caso di un bambino nato entro i termini previsti, l’ambiente termoneutrale deve avere una temperatura di 20-22°C e un’umidità relativa del 40-60%. Diversamente, un bimbo prematuro con peso superiore ai 2 kg, avrà bisogno di una temperatura ambientale prossima ai 24°C, con un tasso di umidità relativa del 50% circa. L’acqua del bagnetto, invece, dovrà mantenersi tra i 36°C e i 37°C, in modo da rispettare la temperatura corporea interna.

Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Cura del bambino

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *