Bimbi scalzi più intelligenti, ma anche più raffreddati?

Scritto da

Con l’arrivo del freddo, dopo tanti mesi di giornate se non calde almeno temperate, si ripresenta un classico delle preoccupazioni genitoriali: i bambini scalzi per casa. I più piccoli, infatti, sono molto spesso restii a tenere i loro piedini rinchiusi tutto il giorno dentro, seppur comode, scarpine. E qui la natura non sbaglia. Infatti, tale desiderio di levare subito, appena rientrati a casa scarpe e calzini, si deve al fatto che il bambino ha necessità di esplorare l’ambiente anche con i piedi, registrando le informazioni tattili che arrivano dalle terminazioni nervose degli arti inferiori.

Bambini scalzi: aumenta lo stimolo sensoriale e lo sviluppo intellettivo

E qui nascono i primi conflitti con mamma e papà (talvolta anche i nonni) che rincorrono i figli pronunciando come un mantra un accorato “Mettiti le scarpe!”. Ma chi sbaglia, noi genitori o i bambini? Ovviamente noi. A dirlo è uno studio molto interessante condotto da una docente della Facoltà di Scienze Infermieristiche, Fisioterapia e Podologia dell’Università Complutense di Madrid, Isabel Gentil Garcia.  La docente, infatti, secondo i risultati ottenuti dalle sue ricerche, sostiene che i bambini che camminano spesso scalzi sono più intelligenti. Chiariamo il punto. Questo assunto si spiegherebbe col fatto che con i piedi nudi si aumentano gli stimoli sensoriali accelerando lo sviluppo cognitivo, delle percezioni e di conseguenza in generale lo sviluppo intellettuale dei bambini.

I benefici di camminare scalzi per i bambini

Camminare scalzi consente di migliorare postura ed equilibrio, si prevengono i piedi piatti e si evitano le infezioni da funghi dato che le scarpe sovente aumentano il rischio, per l’umidità trattenuta, di svilupparli. I muscoli dei piedi vengono sollecitati e di conseguenza si sviluppano maggiormente e, più in generale, i bambini scalzi sono più liberi di percepire il mondo sensibile attorno a loro.

Bambini e raffreddore: camminare scalzi è un problema?

Ma con i raffreddori come la mettiamo? E qui bisogna barcamenarsi tra sostenitori di un nesso tra piedi scalzi e raffreddore e quelli che invece non trovano alcuna relazione tra le due situazioni. I primi adducono delle ricerche che però, effettuate solo su 180 soggetti non sono esattamente la pietra miliare della verità assoluta, ma comunque una riflessione va fatta. Gli oppositori a quello che, secondo loro, sarebbe solo un vecchio tabù, invece, sostengono che non vi sia alcun nesso scientificamente dimostrabile tra camminare a piedi nudi e raffreddore e che anzi, questa pratica favorirebbe un migliore sviluppo del bambino. Insomma, a voi la scelta, ma almeno durante la bella stagione l’esperienza del camminare scalzi andrebbe fatta.

 

Condividi il post:
Tags dell'articolo:
Categorie dell'articolo:
Ho un bimbo

Commenti

  • Mio nipote, state o inverno sempre scalzo,10 tipi di ciabattine, ma niente da piccolo, adesso ha 5 anni , niente

    Lucia Lenares Lucia Lenares 22 gennaio 2016 16:32 Rispondi
  • Rebecca Bonino

    Jessica Zanella Jessica Zanella 23 gennaio 2016 9:36 Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *