7 Suggerimenti per genitori di bambini autistici

Scritto da
7-suggerimenti-autismo-bambini
info@maternita.it'

Quando si interagisce con un bambino autistico, non esistono regole fisse e prestabilite.  Però, ci sono alcuni principi generali che possono dare dei buoni risultati, sebbene non risolvano tutti i problemi.

7 Suggerimenti per genitori di bambini autistici

  1. Comportatevi da genitori: un bambino autistico è prima di tutto un bambino e ha bisogno di dolcezza e severità come tutti gli altri.
  2. Create un ambiente strutturato e prevedibile: gli ambienti frequentati da un bambino autistico devono essere privi di orpelli che potrebbero generare confusione. Scegliete colori neutri e ed evitate rumori e luci troppo forti. Chi soffre di autismo vive in un mondo imprevedibile, confuso e minaccioso. Routine e un ambiente organizzato danno un senso di ordine e stabilità.
  3. Tempismo: non cercate di correggere un comportamento sbagliato quando questo è già in atto. Nel momento in cui è presente una crisi, l’unica cosa che si può fare è cercare di controllarla per evitare che il bambino si faccia del male. 
  4. Parlate con chiarezza e tranquillità: dite al bambino cosa deve fare con termini concreti: “siediti”, “dammi la mano” ed evitate frasi imprecise come “lascialo là”. Utilizzate un linguaggio positivo: parlate con tranquillità cercando di non gesticolare.
  5. Usate supporti visivi: conferite al vostro bambino informazioni, facendovi aiutare da immagini, foto, disegni, etc. La cosa migliore è che queste informazioni visive vengano date al bambino in un luogo loro familiare. Questo metodo va applicato in modo sistematico e costante.
  6. Favorite l’attività fisica: il bambino autistico ha bisogno di muoversi. Favorendo l’attività fisica sarà anche più semplice controllarne crisi e comportamenti. Gli sport migliori sono nuoto e corsa.
  7. Pazienza: occorre tempo per capire quale sia la migliore strategia per il proprio bambino, ad alcuni piace la musica classica, ad altri no; per alcuni vanno bene delle ricompense e per altri no. Pian piano e con l’aiuto dei terapeuti, riuscirete a stabilire il miglior percorso per il vostro bambino.
Condividi il post:

Categorie dell'articolo:
Salute del bambino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *