Nei nidi di Bollate bimbi e adulti disabili si fanno compagnia a vicenda

Scritto da
nei-nidi-di-bollate-bimbi-e-adulti-disabili-si-fanno-compagnia-a-vicenda

Va in porto a Bollate il progetto “La differenza c’è, ma che differenza fa?”, il cui fine ultimo è quello di favorire momenti d’inclusione tra bimbi e adulti disabili.

A Bollate l’inclusione abbatte tutte le barriere

Qualcuno è seduto in carrozzina, altri sono affetti da forme di disabilità più lievi e altri ancora indossano dei caschetti perché soffrono di epilessia. Nessuno dei loro problemi è tuttavia così grande da impedir loro di fare una delle cose più speciali al mondo: giocare con i bambini.

Succede a Bollate, dove ha appena preso il via un interessantissimo progetto destinato a non passare inosservato: si chiama “La differenza c’è, ma che differenza fa?” ed ha lo scopo di promuovere l’interazione tra gli adulti disabili e i bambini.

l progetto, voluto dal Comune, coinvolge tutti i nidi comunali della città ma anche i due centri diurni per persone disabili del territorio, il Centroanchio e Larcobaleno. Favorire la comunicazione tra due mondi così diametralmente opposti è il nobile intento di questo progetto.

Gli incontri avvengono una o due volte a settimana, a seconda delle condizioni fisiche degli adulti coinvolti: chi è affetto da forme di disabilità più gravi si reca dai bambini ogni sette giorni, così da non sottoporsi a sforzi eccessivi, mentre chi ha a che fare con problematiche meno evidenti ha l’opportunità di passare più spesso del tempo con i piccoli di Bollate.

Insieme si canta, si gioca e si crea

Gli adulti che hanno inteso prendere parte a questo progetto, primo in Italia almeno per il momento, sono costantemente impegnati ad organizzare delle attività da proporre ai loro piccoli amici: talvolta portano loro in dono delle creazioni artigianali, ma qualcuno compone anche delle canzonette per strappar loro un sorriso.

Ma cosa fanno precisamente i bambini e gli adulti disabili nel momento in cui hanno la possibilità di incontrarsi tra le mura dei nidi o quelle dei centri diurni di Bollate? Semplice: si divertono. Eccome se si divertono. Cantano, costruiscono oggetti, si cimentano in giochi di ruolo e di manipolazione e così via.

Ma non è finita qui. Gli adulti danno un contributo determinante alle educatrici, perché chi è nelle condizioni di farlo si prende cura dei bimbi a 360 gradi, ad esempio accompagnandoli in bagno e dando loro una mano ad apparecchiare in vista del pranzo. Un progetto dall’immenso valore pedagogico dunque, ma anche una preziosissima occasione di crescita per tutti gli “attori” in esso coinvolti.

Tags dell'articolo:
· ·
Categorie dell'articolo:
News e Gossip

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.