I movimenti fetali possono predire il carattere del bambino?

Scritto da
movimenti-fetali-predicono-carattere-neonato

Ci sono bambini che già nel pancione della mamma sono molto agitati: fanno sentire continuamente la loro presenza con calci e pugnetti. Altri invece hanno un comportamento più tranquillo e la mamma riesce appena a percepire i loro lievi movimenti.

I movimenti fetali possono predire quale sarà il carattere del bambino? Scopriamolo assieme.

Movimenti fetali e carattere del nascituro: la connessione

Le donne in attesa del primo figlio riescono a percepire i primi movimenti fetali verso la 22° settimana, mentre chi non è alle prese con una prima gravidanza, riesce a sentire i movimenti del bambino un po’ prima.

Fra il temperamento del feto e il carattere che avrà una volta nato una continuità in realtà c’è o almeno è quanto sostiene Gino Soldera, psicologo che ha pubblicato nell’aprile del 2014 un libro incentrato sull’attesa dei bambini. La genetica (ma anche l’ambiente) hanno un ruolo fondamentale nella formazione di una persona. Non deve essere trascurata nemmeno l’individualità che è propria di ciascuno e che ha origine con il concepimento. È stato riscontrato ad esempio che un feto abituato a inghiottire molto liquido amniotico, sarà vorace dopo la nascita. Stessa cosa vale per il carattere: difficilmente chi è molto agitato all’interno del grembo materno avrà un carattere pacifico e tranquillo.

Gli ormoni che la mamma passa al bambino 

Durante la vita prenatale il bambino già ha dei bisogni specifici e il suo carattere molto risente degli stati d’animo della madre. Mamma e bambino si influenzano in modo reciproco e i movimenti fetali dipendono molto dai cosiddetti ormoni dello stress che vengono prodotti dalle ghiandole surrenali della madre, come il cortisolo e l’adrenalina. La quantità variabile di cortisolo nel sangue è direttamente collegata ai ritmi di sonno e veglia della mamma e di conseguenza regolano anche l’alternanza di riposo e attività del bambino che si sta sviluppando nel suo utero. 

Categorie dell'articolo:
Gravidanza

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *