Il Ministero del Lavoro chiarisce i diritti sui buoni pasti durante l’allattamento

Scritto da
il-ministero-del-lavoro-chiarisce-i-diritti-sui-buoni-pasti-durante-lallattamento
info@maternita.it'

Durante l’allattamento la donna ha diritto ai buoni pasto, anche se usufruisce di una riduzione dell’orario lavorativo? Secondo il Ministero del Lavoro, se la neomamma lavora meno di 6 ore al giorno decade anche il diritto ai buoni pasto.

Buoni pasto e allattamento: cosa dice la legge

I buoni pasto e l’utilizzo delle mense aziendali sono servizi offerti da diverse imprese ai loro dipendenti. I lavoratori che operano su un orario di oltre 6 ore al giorno hanno infatti diritto ad un intervallo, durante la prestazione lavorativa, per consumare un pasto. La legge non prevede che questo sia a carico del datore di lavoro, anche se in alcuni casi, in un’ottica di welfare aziendale, alcune imprese mettono a disposizione dei propri dipendenti buoi pasto o mense aziendali. Quando i buoni pasto sono previsti per contratto questi ultimi diventano un diritto del lavoratore, ma la neomamma in periodo di allattamento ne avrà diritto solo se lavora almeno 6 ore al giorno. Questo perchè, al di sotto di questa soglia, decade anche il diritto alla pausa pranzo.

La nota del Ministero del Lavoro sui buoni pasto in allattamento

La nota n.16 del 2019 emessa dal Ministero del Lavoro punta proprio a fare chiarezza su questo punto. La legge parla di una “pausa” lavorativa per chi ha un orario superiore alle 6 ore giornaliere. Questa non spetta a chi lavora part-time o, per qualsiasi altro motivo, non raggiunge le 6 ore quotidiane. Nella casistica rientrano anche le donne che usufruiscono di permessi per l’allattamento. Secondo l’interpretazione della legge offerta dall’Agenzia delle Entrate il buono pasto spetta solo a coloro che effettuano la pausa pranzo e poi proseguono l’attività lavorativa, mentre non è dovuto a chi non riprende a lavorare dopo il pasto. Le donne in allattamento che effettuano meno di 6 ore di lavoro al giorno non hanno diritto, secondo il Ministero, nè alla pausa pranzo nè ad eventuali buoni pasto erogati dall’azienda a chi effettua i temppo pieno.

Tags dell'articolo:
· ·
Categorie dell'articolo:
Gravidanza

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.