Il latte materno protegge anche dai nuovi virus: la sfida delle banche del latte

Scritto da
il-latte-materno-protegge-anche-dai-nuovi-virus-la-sfida-delle-banche-del-latte

Una ricerca svolta presso la Città della Salute di Torino ha dimostrato che il latte umano funge anche da scudo protettivo contro i nuovi virus, anche quelli più pericolosi trasmessi dalle zanzare come Zika e Utusu, che potrebbero affliggere i neonati.

I risultati dello studio sono stati pubblicati in numerose riviste internazionali.

Il latte materno come risorsa naturale

Il 10 e l’11 ottobre, a Torino, si è svolto il congresso internazionale dell’Associazione Europea Banche del Latte Umano. La riunione è stata organizzata dalla Città della Salute di Torino ed è stata diretta dal professor Enrico Bertino.

Secondo il professore, il latte materno è importante per la salute di tutti i bambini, soprattutto di quelli pretermine. Per questi neonati, l’alternativa più adeguata è data dal latte umano donato. Il latte materno può essere, soprattutto per i bambini nati nei Paesi più poveri, un farmaco salvavita.

Come già anticipato, la ricerca portata avanti dalla Città della Salute di Torino, ha dimostrato che il latte materno è in grado di contrastare non solo i virus notevolmente preoccupanti nel periodo natale ma anche i virus che sono presenti in Italia solo da poco tempo, come il virus Zika e Utusu.

La sfida mondiale per promuovere le banche del latte

È dal Piemonte che partirà la sfida mondiale per promuovere le banche del latte umano che può contribuire in modo non indifferente alla salute a breve e lungo termine dei neonati.

Verrà organizzato un convegno atto alla promozione dei sistemi di donazione di latte umano al quale parteciperanno 35 Paesi di tutto il mondo tra i quali ci saranno Uganda, Etiopia ma anche India, Pakistan ed Equador.

Attualmente nel mondo sono presenti 238 banche del latte di cui 37 sono in Italia (prima in Europa insieme a Francia e Svezia).

Tags dell'articolo:
· ·
Categorie dell'articolo:
News e Gossip

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.