Dormi Bimbo: idea geniale o soldi buttati?

Scritto da

Quello che più manca a una coppia di genitori con un bambino piccolo sono le ore di sonno. Eccetto qualche raro caso, in generale, ci si ritrova a doversi abituare a nuovi, funambolici, orari “imposti” dal nuovo arrivato che, naturalmente, ha bisogno di essere accudito giorno e notte. Quanto è dura però quando si vorrebbe tanto dormire e il piccolo invece decide di voler stare sveglio! Lo sanno bene quelle mamme e quei papà che poi al mattino si infilano la prima cosa che trovano e corrono al lavoro con una fetta biscottata su per la gola e un occhio ancora chiuso. Ma anche chi resta a casa col bambino non ha certo una giornata più facile se ha passato la notte in bianco o tra mille mila risvegli.

Chi sa di cosa si parla sa anche che in preda alla disperazione si prova qualsiasi metodo, perfino quelli meno ortodossi che poi ti penti dopo due minuti. Un’azienda italiana però ha pensato di inventare un dispositivo che aiuti le mamme e i papà ad addormentare il bimbo. Niente di diabolico, s’intende, solo un dispositivo che riproduce l’andamento dell’automobile che, spesso e volentieri, è il posto in cui buona parte dei bambini riesce a prendere facilmente sonno.

Il dispositivo è universale e si aggancia sotto culla, lettino o passeggini e, oscillando, culla il bambino fino ad addormentarlo. Ovviamente si tratta di un dispositivo testato e sicuro, proposto tutto sommato anche a un prezzo accessibile, ma la domanda è: davvero serve?

Davvero il Dormi Bimbo, così si chiama, può rendere più facile la vita dei neo genitori o si tratta solo di un aggeggio da aggiungere alla lista dei “posso farne a meno”? Chissà cosa ne avrebbe pensato la Montessori. Quello che è certo è che tantissimi genitori, pur di addormentare il proprio bambino, lo caricano in auto e via a fare qualche chilometro in attesa che il piccolo sprofondi nel sonno ristoratore. Bene, considerando il costo della benzina, a conti fatti, non si tratta di una spesa così inutile. Se poi volessimo un dispositivo a costo quasi zero, una bella fascia, una passeggiata a piedi e una buona dose di pazienza potrebbe sortire lo stesso risultato.

Categorie dell'articolo:
Nanna

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *