Coronavirus e partorienti: ecco la testimonianza di due genitori

Scritto da
coronavirus-e-partorienti-la-testimonianza-di-due-genitori)
silvia.migl@peppereppe.com'

Diventare genitori ai tempi dell’emergenza Coronavirus non è affatto semplice e genera tanta preoccupazione, ansia e paura. Le disposizioni per contenere l’emergenza, infatti, rendono questo momento ancora più complesso. La partoriente, infatti, potrà essere assistita da una sola persona e non potrà ricevere alcuna visita.

Queste sono solo alcune delle precauzioni prese dal personale sanitario durante questa emergenza per garantire alle donne di partorire in assoluta sicurezza e di proteggere i loro bambini. Consentire una normalità in una situazione tanto atipica, infatti, non è affatto semplice ma è l’obiettivo del personale medico e paramedico in questo momento.

Emergenza Coronavirus e parto: la testimonianza di due neo genitori

Si chiamano Ester e Giordano ed hanno dato il benvenuto alla loro piccola Irene la mattina dell’11 marzo. Un parto cesareo praticato al Policlinico Casilino di Roma in un momento di grande attenzione sanitaria e norme precauzionali spesso penalizzanti.

Ester è entrata in sala parto da sola, lasciando il marito in sala d’aspetto. “Per prima cosa mi hanno misurato la febbre, poi mi hanno fatto entrare all’interno del pronto soccorso, dove è stata dedicata una parte solo alle donne incinte, con apposite misure di sicurezza, come la distanza tra una seduta e l’altra” racconta Ester.

Giordano, invece, è dovuto rimanere in sala d’aspetto per entrare in sala parto solo al momento della nascita della sua bambina. La piccola Irene, subito dopo, è stata portata al nido dove è stata sottoposta a tutte le visite necessarie, come da routine.

Emergenza Coronavirus: cosa cambia per le partorienti

Sebbene l’obiettivo del personale medico sia quello di mantenere una condizione di normalità per le partorienti, qualche cambiamento è purtroppo inevitabile in un momento d’emergenza come quello che stiamo vivendo.

Nessuna visita di nonni e parenti per dare il benvenuto al nascituro. Questo uno dei cambiamenti più sostanziali che l’emergenza Coronavirus ha imposto. Soltanto il papà, se in buona salute e senza sintomi riconducibili al contagio da Covid-19, può entrare.

A cambiare è anche il tempo di permanenza all’interno della struttura. Se solitamente si rimane per 3 giorni dopo un parto cesareo, adesso le dimissioni arrivano già al secondo giorno. Chi, invece, dà alla luce il proprio bambino con parto naturale può uscire già il giorno dopo.

Tags dell'articolo:
· ·
Categorie dell'articolo:
Aspetto un bimbo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.