Travaglio: sapete quando è ora di andare in ospedale?

Scritto da

Una delle domande che più spesso si fanno le mamme al termine della gravidanza, riguarda l’inizio del travaglio. Sarò in grado di capire quando è ora di andare in ospedale? Perché c’è il rischio di andarci troppo presto, e magari essere rimandate a casa per un falso allarme, o di sottovalutare il tutto e poi dover fare una corsa per evitare che il piccolo nasca in casa.

Il periodo prodromico

La prima fase che andiamo ad affrontare è il periodo prodromico: il collo dell’utero di modifica. Diventa centrale, si fa più sottile e si dilata: ad avvertirvi di quello che sta succedendo, compaiono delle contrazioni lievi, simili ai dolori mestruali. Sono però irregolari e diverse tra di loro, di intensità variabile.

Altro campanello dall’allarme potrebbe essere la perdita del tappo mucoso, evento normale che segnala che il corpo è pronto a far nascere il bambino. Non dovete però ancora andare in ospedale. Se siete al primo figlio, questa fase può durare anche 10 ore, quindi fate una doccia calda e rilassatevi.

La fase dilatante

La seconda fase è quella dilatante: le contrazioni iniziano a farsi forti e regolari, e arrivano ogni 5 minuti. Anche questa fase, se siete al primo parto, può durare circa 10 ore: se quindi non avete ancora rotto le acque, potete trascorrere ancora del tempo a casa. Un’altra doccia vi aiuterà a sopportare il dolore. Controllate di avere tutti gli esami a portata di mano e la valigia fatta.

3, 2, 1… via!

Con le contrazioni a 3-4 minuti, potete partire. Una volta arrivate, il ginecologo contrellerà il vostro stato e vi invierà in sala parto o travaglio.

Quando non bisogna assolutamente perdere tempo!

Vi abbiamo descritto la situazione perfetta: ma quando invece non dovete perdere tempo e recarvi subito in ospedale?

1.Se il sacco amniotico è rotto e il liquido è tinto.

2.Se avete perdite di sangue vaginale di un rosso vivo e molto abbondanti.

3.Se siete al secondo o terzo parto: in genere sono più veloci del primo, e le varie fasi potrebbero accorciarsi drasticamente.

Anche nei casi segnalati, però, restate calme: si tratta comunque di precauzioni. In bocca lupo, future mamme!

Condividi il post:

Tags dell'articolo:
·
Categorie dell'articolo:
Travaglio e parto

Commenti

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *